Studi gettano nuova luce sui misteriosi pianeti "Sub-Nettuniani"

Studi gettano nuova luce sui misteriosi pianeti 'Sub-Nettuniani'
di

Negli ultimi 20 anni, gli astronomi hanno confermato l'esistenza di migliaia di pianeti extrasolari. Esistono tantissimi esopianeti, le "Super Terre" ad esempio, hanno diametri fino al doppio di quelli del nostro mondo, mentre i mondi "Sub Nettuniani" sono da due a quattro volte più grandi della Terra.

Per quanto riguarda i mondi sub nettuniani, ci sono ancora diversi dibattiti su come si siano creati. Le loro composizioni rimangono sconosciute, e comprenderle potrebbe aiutare a far luce sulle origini di questi esopianeti.

Per indagare sulla composizione di questi pianeti, gli scienziati hanno eseguito simulazioni al computer per osservare quali scenari potrebbero meglio spiegare le masse e i diametri visti fino ad oggi tra questi corpi celesti.

I ricercatori hanno scoperto che ogni sub nettuniano contiene almeno il 25%, e forse più del 50%, di acqua liquida o congelata in base alla loro massa (mentre la Terra ha circa lo 0.02% di acqua per massa). "Il nostro studio suggerisce che ci sono nell'ordine di 1.000 mondi acquatici solo nei pianeti confermati e candidati di Kepler", ha affermato l'autore principale dello studio Li Zeng, uno scienziato planetario della Harvard University di Cambridge.

"Statisticamente parlando, questi mondi acquatici possono essere più abbondanti dei pianeti rocciosi simili alla Terra. Forse ogni stella grande come il sole, ha uno o più di questi mondi acquatici". ha poi concluso Zeng.

Gli esopianeti vengono scoperti con una cadenza incredibile, e ce ne sono di tutte le taglie e dimensioni: come l'esopianeta che si sta autodistruggendo o come il gigantesco Gioviano Caldo Kepler-1658b.

FONTE: space.com
Quanto è interessante?
11