Studiata una galassia particolare chiamata UGC 1378

Studiata una galassia particolare chiamata UGC 1378
di

Degli astronomi hanno studiato una galassia particolare, a spirale sbarrata di tipo SBa. 126 milioni di anni luce di distanza da noi, con diverse caratteristiche particolari tra cui un'elevata massa e una grande quantità di gas. Galassia che risponde al nome di UGC 1378. I gas presentano in oltre dischi stellari a bassa luminosità superficiale.

Questo tipo di galassie giganti, a bassa luminosità superficiale (gLSB) con presenza di dischi gassosi e stellari, sono molto rare.

Ciò che però la rende davvero particolare è il contenuto di idrogeno (HI) di UGC 1378, che è molto più alto del previsto (rispetto alla sua massa). Inoltre, anche la sua formazione risulta poco chiara.

Un team di ricercatori guidato da Anna Saburova dell'Università Statale Lomonosov di Mosca, Russia, ha deciso di rispondere a queste domande conducendo osservazioni spettroscopiche e imaging multibanda di UGC 1378.

"Descriviamo le osservazioni dell'UGC 1378, compresa la spettroscopia profonda con il telescopio russo di 6 metri e l'imaging multibanda con Binospec al MMT", hanno scritto gli astronomi.

Le osservazioni hanno rilevato la struttura UGC 1378, particolarmente complessa. Inoltre, hanno rivelato la presenza di un disco gLSB ricco di gas con bracci a spirale e con un raggio di circa 163.000 anni luce.

Il tasso globale di formazione stellare (SFR) per UGC 1378 è stimato tra 1,2 e 2,3 masse solari all'anno, molto simile a quello della nostra cara Via Lattea.

Lo studio ha trovato un imponente alone di materia oscura, dominante la massa interna del gigantesco raggio del disco LSB di UGC 1378.

In oltre, gli astronomi russi suggeriscono qualche ipotesi riguardo alla sua genesi:

"Suggeriamo che la formazione dell'UGC 1378 possa essere avvenuta in due fasi. Il primo stadio, in comune con le galassie come la Via Lattea, comprende diversi episodi di fusione durante i quali si è formata la parte HSB e, probabilmente, sono stati accumulati la maggior parte dei satelliti. Nella seconda fase, i dischi stellari e gassosi gLSB sono stati formati dall'accrescimento di gas povero di metalli".

Le galassie là fuori sono davvero molte, ce ne sono alcune più strane di altre. Chissà, nel tempo, cosa vedranno i nostri telescopi o, chissà, i nostri occhi.

FONTE: Phys.org
Quanto è interessante?
4