Studio dimostra che anche un sorriso forzato ci rende più positivi

Studio dimostra che anche un sorriso forzato ci rende più positivi
di

Il potere di un sorriso è immenso: può cambiare la giornata alle persone o anche farle apparire più belle. Ma non sempre si sorride genuinamente. Una ricerca recente dell’University of South Australia ha però scoperto che anche un sorriso forzato può ingannare la mente e farci pensare positivamente, motivandoci anche in periodi bui.

Lo studio pubblicato dal ricercatore Fernando Marmolejo-Ramos nel giornale Experimental Psychology ha valutato l’impatto di un sorriso sulla percezione delle espressioni del viso e del corpo: inducendolo nei partecipanti tenendo una penna tra i denti e costringendo i muscoli facciali a replicare il movimento di un sorriso, si è scoperto che l’attività muscolare altera sia il riconoscimento delle espressioni del viso che quelle corporee, generando infine emozioni positive.

Secondo quanto dichiarato da Marmolejo-Ramos, “quando i tuoi muscoli dicono che sei felice, sei più propenso a vedere il mondo positivamente. La nostra ricerca ha dimostrato che quando si forza un sorriso l’amigdala viene stimolata e rilascia neurotrasmettitori per incoraggiare uno stato emotivo positivo. Ciò potrebbe avere implicazioni decisamente interessanti per la salute mentale”.

In un periodo come questo, dove la quarantena ha fatto registrare aumenti preoccupanti di persone depresse o con disturbi d’ansia, risultati simili sono senza dubbio incoraggianti. A proposito di depressione, una ricerca condotta dall’Australian National University ha dimostrato che il cervello di chi soffre di depressione e ansia allo stesso tempo si ingrandisce.

La ricerca però non si ferma qui: di recente un altro studio ha scoperto perché ci viene la pelle d’oca.

Quanto è interessante?
2