Uno studio finanziato dalla NASA prevede il collasso del ghiacciaio Thwaites

Uno studio finanziato dalla NASA prevede il collasso del ghiacciaio Thwaites
di

Stando ad uno studio finanziato dalla NASA, l'instabilità del ghiacciaio Thwaites fa presupporre il raggiungimento di un punto di non ritorno, superato il quale non sarà più possibile fermarne lo scioglimento. Un evento catastrofico, che innalzerebbe il livello del mare di circa mezzo metro.

Lo studio è opera del Georgia Institute of Technology, in collaborazione con il Propulsion Laboratory del California Institute of Technology (CALTECH) e dell'Università di Washington.

Gli scienziati parlano genericamente di un periodo tra i 50 e gli 800 anni da oggi, essendo fondamentalmente impossibile costruire un modello certo dell'andamento della temperatura terrestre su una fascia temporale così ampia.

Raggiunto il punto di instabilità, ci vorrebbero circa 150 anni prima che il ghiacciaio si sciolga completamente, venendo inghiottito dall'oceano in uno scenario catastrofico.

Il ghiacciaio Thwaites, che si estende per oltre 120mila chilometri quadrati, si sta erodendo negli ultimi sei anni a ritmi più che raddoppiati rispetto al passato: si parla di circa 800 metri ogni 12 mesi.

Quello del Georgia Institute of technology non è una proiezione certa di quello che succederà in futuro. Anticipare uno scenario così distante nel tempo, quando in gioco ci sono così tante variabili imprevedibili, è semplicemente impossibile. Tuttavia, gli scienziati hanno utilizzato i loro dati in possesso per creare diversi modelli predittivi —delle simulazioni— basate su scenari diversi. Sono 500 le simulazioni dove viene raggiunto un livello di instabilità del Thwaites di entità così forte da non poter essere fermato.

Quanto è interessante?
2