Studio rivela un effetto negativo per gli studenti che usano ChatGPT

Studio rivela un effetto negativo per gli studenti che usano ChatGPT
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Una recente ricerca solleva preoccupazioni sull'impatto di ChatGPT nel mondo accademico, suggerendo che l'uso intensivo di questo strumento di intelligenza artificiale potrebbe essere collegato a perdita di memoria e calo delle prestazioni scolastiche tra gli studenti.

Questo studio, pubblicato nella prestigiosa International Journal of Educational Technology in Higher Education, ha esaminato le abitudini di centinaia di studenti universitari, dai neofiti ai dottorandi, rivelando tendenze allarmanti legate all'utilizzo di ChatGPT per svolgere compiti e progetti accademici (anche se non riesce a fare questo semplice calcolo).

L'indagine si è sviluppata in due fasi, partendo da un primo sondaggio che ha coinvolto 165 studenti. Questi ultimi hanno valutato il proprio grado di dipendenza da ChatGPT attraverso una serie di domande che spaziavano dall'utilizzo dell'IA per gli incarichi del corso alla sua presenza nella vita campus.

Successivamente, una seconda fase ha ampliato il campione a quasi 500 studenti, esaminati attraverso sondaggi ripetuti a intervalli di una o due settimane. I risultati indicano chiaramente che gli studenti più gravati da carichi di lavoro accademici e pressioni temporali tendono a ricorrere più frequentemente a ChatGPT, evidenziando una maggiore inclinazione alla procrastinazione, una diminuzione della capacità di memoria e un calo del rendimento scolastico.

La facilità con cui il chatbot fornisce risposte sembra ridurre lo sforzo cognitivo necessario per completare le attività accademiche, minando così la capacità di memorizzazione dello studente. Tuttavia, lo studio presenta anche delle sorprese: contrariamente alle aspettative, gli studenti più orientati al successo accademico e sensibili al raggiungimento di buoni voti tendono a evitare l'uso di ChatGPT, probabilmente per paura delle conseguenze legate al suo impiego scorretto.

Tra poco arriverà ChatGPT 5... chissà cosa succederà allora!

FONTE: futurism

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi