Studio suggerisce la vitamina B12 per prevenire l'Alzheimer

Studio suggerisce la vitamina B12 per prevenire l'Alzheimer
di

A causa dello sconfortante numero di persone affette da demenza, al giorno d'oggi, di cui la maggior parte soffre di Alzheimer, gli studiosi hanno intensificato le ricerche per la prevenzione e/o cura di questo terribile nemico che causa sofferenza a tante persone, oltre a chi ne è affetto.

Attualmente di trattamenti efficaci non ne esistono, sebbene i medici abbiano identificato ad esempio il trattamento che permetterebbe di disintegrare i grumi nel cervello e persino il primo farmaco contro l'Alzheimer, questo non è ancora abbastanza.

Un team dell'Università del Delaware si è quindi messo a lavoro per scoprire ancora di più sulla relazione tra dieta e avanzamento della malattia.

Ma come funziona? Nel cervello delle persone affette da Alzheimer si crea un accumulo di amiloide-beta la cui presenza è nociva per le cellule. Quando questo "grumo" si crea ciò che ne consegue è una netta riduzione dell'energia, la frammentazione dei mitocondri (chiamate anche "centrali elettriche delle cellule") e la generazione di stress ossidativo.

Per scoprire questo, il team si è concentrato sullo studio dei Caenorhabditis elegans, vermicelli grandi al massimo 1 millimetro che vivono nel sottosuolo e che vengono spesso analizzati per comprendere la biologia e le malattie.

Il tutto è favorito dalla loro incredibilmente semplice struttura celebrare composta da un accumulo di beta amiloide che provoca una naturale paralisi entro 36 ore dell'età adulta. Quando i ricercatori hanno cominciato a nutrirli con alimenti ad alto contenuto di B12 il fenomeno ha iniziato a perdere d'efficacia.

"Dopo aver dato la vitamina B12 ai vermi la paralisi si è verificata molto più lentamente [...]" ha spiegato l'autrice dello studio Jessica Tanis."I vermi con alti livelli di B12 avevano anche maggiore energia e i livelli di stress ossidativo decisamente inferiori" sebbene l'effetto si verifichi solo in presenza di uno specifico enzima, la metionina.

I ricercatori hanno anche scoperto che l'effetto benefico della vitamina B12 veniva riscontrato solo in vermi con un'importante carenza proprio di B12, infatti non sembrerebbe infatti offrire nessun vantaggio ai vermi sani.

"In questo momento, non esiste un trattamento efficace per il morbo di Alzheimer", ha spiegato la dottoressa. "Ci sono alcuni fattori che non puoi cambiare: non puoi cambiare il fatto che invecchi e non puoi cambiare una predisposizione genetica al morbo di Alzheimer. Ma una cosa puoi controllare."

Secondo la ricercatrice la cosa veramente importante è prestare attenzione alla propria dieta. Una dieta sana e ricca di b12, come la dieta mediterranea che potrebbe prevenire l'Alzheimer, siamo tutti ancora in tempo per adottarla. "Ed è qualcosa che il mio laboratorio è entusiasta di continuare ad esplorare" ha concluso.

Quanto è interessante?
2