Superato il limite per la sicurezza dei prodotti chimici sintetici, ecco cosa significa

Superato il limite per la sicurezza dei prodotti chimici sintetici, ecco cosa significa
di

Oggi sul mercato esistono numerosi prodotti - all'incirca 350.000 - di origine umana, tra cui plastica, pesticidi, prodotti chimici industriali, prodotti chimici cosmetici, antibiotici e altri farmaci. Il numero di tutti questi prodotti cresce giorno dopo giorno ed è impossibile tenere traccia del loro impatto sull'ambiente.

Adesso, secondo un nuovo studio, abbiamo attraversato un "confine" molto pericoloso. Dagli anni '50, la produzione chimica è aumentata di 50 volte ed entro il 2050 questo numero si triplicherà. "Il tasso di comparsa di questi inquinanti nell'ambiente supera di gran lunga la capacità dei governi di valutare i rischi globali, per non parlare di controllare eventuali problemi potenziali", afferma l'ecotossicologa Bethanie Carney Almroth dell'Università di Göteborg.

Questi composti chimici, infatti, si sono già infiltrati nell'atmosfera, nell'idrosfera, nella criosfera, nella geosfera e nella biosfera. Molte di questi possono vivere per sempre. Decine di migliaia di sostanze chimiche sul mercato (alcune perfino pericolose e approvate dell'EPA) non sono state testate sull'ambiente e anche quelle che sono state valutate per la salute e la sicurezza presentano ancora molti rischi sconosciuti.

Ad esempio, infatti, alcune creme solari si sono rivelate tossiche per i coralli. Perfino gli antidepressivi si sono accumulati nelle fonti d'acqua, dove sembrano avere un impatto sul modo in cui alcuni pesci cacciano il cibo. Gli autori dello studio chiedono di "cambiare materiali e prodotti in modo che possano essere riutilizzati senza sprecarli, progettare sostanze chimiche e prodotti per il riciclaggio e l'analisi delle sostanze chimiche immesse nell'ambiente".

Quanto è interessante?
4