Svolta fiscale per Facebook: tasserà i ricavi nelle nazioni in cui li realizza

di

Importante cambio di strategia per Facebook dal punto di vista fiscale. L'azienda di Menlo Park, infatti, ha deciso di passare a quella che si può a tutti gli effetti definire una "struttura di vendita locale", dal momento che ha annunciato le proprie intenzioni di tassare i ricavi nelle nazioni in cui li realizza.

Ciò vuol dire che gli utili, generati principalmente dal settore pubblicitario, non saranno più contabilizzati nella sede centrale europea di Dublino, ma nelle singole nazioni. L'annuncio è stato dato dallo stesso Facebook attraverso un post pubblicato sul newsroom, su cui ha ufficializzato il nuovo modello di vendita.

"Oggi annunciamo che Facebook ha deciso di passare ad una struttura di vendita locale nei paesi in cui abbiamo un ufficio, per supportare gli inserzionisti locali. Questo vuol dire che gli introiti pubblicitari ottenuti dai nostri team locali non saranno più contabilizzati nella nostra sede internazionale di Dublino, ma presso le società locali dei vari paesi" si legge nell'annuncio.

"Crediamo che il passaggio a questa nuova struttura di vendita locale possa fornire ai governi maggiore trasparenza in termini di fatturato", continua il breve post in cui i gestori affermano che "questo cambiamento sarà effettivo nei paesi in cui abbiamo un ufficio locale di supporto agli inserzionisti. Ogni paese è unico, e vogliamo essere sicuri di fare le cose nel pieno rispetto delle leggi. E' un grande cambiamento, che richiederà molte risorse per diventare operativa in tutto il mondo. Cercheremo di rendere attivi i nuovi sistemi di fatturazione il più rapidamente possibile per garantire una transizione rapida e senza interruzioni verso la nuova struttura. Abbiamo in programma di implementare questa modifica già nel corso del 2018, per completarla entro la prima metà del 2019" conclude il comunicato.

La sede di Menlo Park continuerà ad essere il quartier generale, mentre gli uffici di Dublino rappresenteranno la sede internazionale.

FONTE: Newsroom
Quanto è interessante?
6