Tariffe telefoniche, la denuncia del Codacons: aumenti fino al 54%

Tariffe telefoniche, la denuncia del Codacons: aumenti fino al 54%
di

Il Codacons, nella persona del presidente Carlo Rienzi, ha denunciato una nuova ondata di rincari per le tariffe telefoniche, il tutto mentre i rimborsi dovuti agli utenti per la fatturazione a 28 giorni tardano ad arrivare.

L'Associazione dei Consumatori osserva che rispetto allo scorso anno i costi delle offerte ricaricabili dei principali operatori telefonici (Vodafone, TIM e Wind Tre) sarebbero aumentati con picchi del 54,10%. Il dato è stato confermato anche da un'indagine tenuta da SosTariffe.it, focalizzata proprio sugli aumenti delle tariffe.

Nello stesso rapporto, il Codacons sottolinea anche le campagne avviate negli ultimi mesi dalle telco, attraverso cui gli utenti hanno ricevuto via SMS l'avviso di numerose rimodulazioni, "tutte ovviamente al rialzo", con costi che sono lievitati tra i 2 ed i 3 Euro al mese. L'ondata di rincari però non dovrebbe essere finita qui, ed infatti Rienzi osserva che "a settembre scatteranno nuovi adeguamenti delle tariffe".

"Sono aumenti applicati dalle società della telefonia con l'unico scopo di recuperare i minori introiti legati alle bollette a 28 giorni e compensare i rimborsi che devono versare ai propri clienti per effetto delle decisioni dell'Agcom" ha affermato il presidente dell'associazione ai microfoni dell'ANSA.

Delle rimodulazioni telefoniche estive abbiamo a lungo parlato su queste pagine in un articolo dedicato.

Quanto è interessante?
4