Il telescopio spaziale Hubble può raccontarci trent'anni di impatti dai detriti spaziali

Il telescopio spaziale Hubble può raccontarci trent'anni di impatti dai detriti spaziali
di

Il telescopio Hubble è stato "testimone" della conquista umana dello spazio. Con la sua storia trentennale, ha osservato pian piano i cieli mentre si riempivano di un maggior numero di satelliti che, negli anni, hanno creato nuvole di detriti spaziali in rapido movimento. Hubble stesso ha sentito "l'impatto" di questi detriti, ecco cosa può dirci.

Il team del telescopio ha scoperto centinaia di crateri da impatto presenti sulla superficie di una piccola parte dell'array solare, che variano da micron a millimetri di diametro. Questi array sono stati sostituiti diverso tempo fa dopo ben 9 anni, ora in mostra al Technology Center dell'ESA (ESTEC) in Olanda.

I crateri trovati negli array solari di Hubble contenevano piccole quantità di alluminio e ossigeno, una forte indicazione dell'attività umana. Queste minuscole particelle, avrebbero colpito Hubble a velocità relative di 10 chilometri al secondo, non abbastanza (fortunatamente) per mettere fuori uso lo strumento.

Il pericolo di "morte" del telescopio potrebbe essere dato dai frammenti di detriti che hanno circa 1-10 centimetri di dimensione; troppo piccoli per essere catalogati e rintracciati da terra, ma che hanno energia sufficiente per distruggere un intero satellite. All'altitudine di Hubble, la probabilità di una collisione con uno di questi oggetti è raddoppiata dai primi anni 2000, da una probabilità dello 0.15% all'anno allo 0.3% di oggi.

Per aiutare a prevenire l'accumulo di nuovi detriti attraverso le collisioni, il programma Space Safety dell'ESA sta sviluppando tecnologie di "prevenzione automatica delle collisioni" che renderanno il processo di prevenzione delle collisioni più efficiente, automatizzando i processi decisionali sul campo. Per la prima volta in assoluto, inoltre, l'ESA ha commissionato una missione di rimozione dei detriti attiva che eliminerà in modo sicuro un detrito attualmente in orbita: una parte del razzo Vespa da 100 chilogrammi.

Quanto è interessante?
4
Il telescopio spaziale Hubble può raccontarci trent'anni di impatti dai detriti spaziali