Il teschio di questo antico serpente ha molto da raccontarci

Il teschio di questo antico serpente ha molto da raccontarci
di

E’ stato scoperto il fossile di un antenato dei moderni serpenti che potrebbe fornire molte informazioni sulla linea di evoluzione di questi ultimi.

L’evoluzione, sappiamo, si attua lentamente e dopo tantissimo tempo. Ad ogni generazione, piccole modifiche possono portare, come risultato, all'evoluzione di una specie e ad una maggiore specializzazione. La scoperta di un fossile antico è quindi un tassello, un’importante istantanea dell’evoluzione di una determinata specie. In questo caso è stato trovato il cranio fossile di un antico ancestrale dei serpenti che gli scienziati hanno chiamato Najash rionegrina.

La scoperta di questo fossile è avvenuta a Pio Negro Province, in Argentina. Il fossile risale a circa 95 milioni di anni fa e la creatura viveva all'interno di un grande deserto. Particolare il fatto che, per essere un serpente, l’animale era provvisto, all'altezza dei lombi, di piccolissime zampe. A rendere, però, ancora più interessante questo fossile è, in particolare, il suo cranio. Il teschio del Najash era già provvisto di una grande apertura buccale e le fauci avevano un sacco di denti adatti a predare e catturare le prede.

Come nei serpenti moderni, il Najash aveva delle articolazioni mobili che gli permettevano di aumentare l’apertura della bocca e riuscire, così, a divorare prede anche molto grandi. Queste articolazioni, però, non erano sviluppate e meglio adattate come quelle dei serpenti moderni ma erano, rispetto a loro, meno mobili. Questo piccolo fattore ci dice che i Najash si stavano evolvendo verso una maggiore mobilità della bocca che si traduceva in una maggiore apertura della bocca che avrebbe garantito loro il poter divorare specie sempre più grandi.

Osservando il cranio dei Najash e come questo è stato modellato dall'evoluzione, gli scienziati possono capire quale forma doveva avere il progenitore dei serpenti. I serpenti evolutivamente ancora più antichi rispetto al Najash dovevano, quindi, essere, probabilmente, dei grossi lucertoloni molto simili ai moderni draghi di Komodo.

Quanto è interessante?
2