I tesori da 500 milioni di dollari che potrebbero essere nascosti in un relitto tedesco

I tesori da 500 milioni di dollari che potrebbero essere nascosti in un relitto tedesco
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il relitto di una nave a vapore tedesca della Seconda Guerra Mondiale è stato identificato a nord della comune marittimo di Ustka (Polonia), ad una profondità di circa 88 metri, dopo un anno di ricerche.

Il motivo della ricerca è presto detto: si pensa che la nave, la Karlsruhe (chiamata come una nave da guerra trovata recentemente vicino alla Norvegia), trasportasse i preziosi mobili della Camera d'ambra, una stanza costruita nel XVIII secolo all'interno del palazzo russo di Caterina a Carskoe Selo.

Ma qual è la storia della Camera d'ambra?

Da come viene suggerito dal nome, gran parte dei mobili erano stati creati da artigiani professionisti con l'ambra. La costruzione di questi iniziò nel 1701, quando Federico I (primo re di Prussia) assunse due esperti per decorare il suo palazzo, Charlottenburg.

Pietro il Grande, zar di Russia, visitando il palazzo nel 1716, rimase affascinato dalla ricchezza e bellezza delle stanze e se ne fece regalare un pannello. Lo zar prese questo come base per costruire un'intera stanza, le cui mura erano adornate di ambra, pietre preziose, specchi e foglie d'oro.

Dopo 10 anni di lavoro, la camera del Palazzo di Caterina a Carskoe Selo venne conclusa, racchiudendo al suo interno più di 6 tonnellate di ambra e ricchezze, con delle stime di oggi, dal valore di circa 500 milioni di dollari.

Tuttavia, nel 1941, con l'invasione tedesca in Russia, i tesori vennero saccheggiati. I pannelli vennero smantellati dai soldati tedeschi, dopo averli trovati tra mura costruite dai sovietici per nasconderli, e vennero installati nel castello di Königsberg, l'odierna Kaliningrad in Russia.

E' proprio da questa città che la Karlsruhe salpò per l'ultima volta nel 1945. Il suo obiettivo era quello di seguire l'Operazione Annibale: evacuare la Prussia orientale prima dell'arrivo dell'Armata Rossa. La partenza della nave era l'unica possibilità per i tedeschi di tenere i tesori della Camera d'ambra, anche se in guerra la Germania era stata quasi del tutto sconfitta.

Si dice che il piroscafo partì la notte del 12 Aprile 1945, con 1.100 persone e 360 tonnellate di carico a bordo. Tuttavia, il giorno dopo venne colpita da un da un missile lanciato dall'aeronautica sovietica. Riuscirono a sopravvivere solo 113 perone. La nave, paradossalmente, si trova quasi intatta nel fondale marino. Tra le casse disperse per tutto il relitto potrebbero esserci celati i tesori della stanza, ma i ricercatori non dispongono di risposte certe.

"E' difficile immergersi a 88 metri di profondità. Momentaneamente i nostri sommozzatori si sono focalizzati solo nello scattare foto. Ulteriori ricerche potranno essere effettuate dopo aver discusso con l'Ufficio Marittimo di Gdynia (la provincia dove si trova Ustka) - sono loro che prenderanno l'ultima decisione" ha affermato Tomasz Stachura, colui che ha portato avanti la ricerca.

Il problema è che alcune fonti ritengono che i pannelli della camera vennero, sì, inseriti in delle casse, ma queste rimasero dentro il castello di Königsberg - bruciando insieme ad esso dopo che i soldati sovietici arrivarono nella città. Questo fatale errore, possibilmente nascosto dalle autorità russe, potrebbe aver fatto svanire per sempre ogni traccia di quei inestimabili tesori.

Fino a questo momento, possiamo solo essere certi che la Polonia uno dei più ricchi bottini di reperti risalenti alla Seconda Guerra Mondiale.

Quanto è interessante?
2