TIM: fatturazione mensile dal 1 Aprile, ma aumenta il canone

di

Anche TIM, come gli altri operatori, ha deciso di adottare la fatturazione mensile, per mettersi in regola con la nuova normativa italiana, approvata nell'ambito della legge di bilancio 2018 e che ha reso illegale la fatturazione a 28 giorni.

A partire dal primo aprile, l'operatore telefonico italiano adotterà il modello di fatturazione mensile, che per gli utenti si tradurrà ne pagamento di dodici mensilità al posto di tredici.

Tuttavia, proprio come temuto dalla maggior parte degli abbonati, scatteranno degli importanti rincari per le tariffe. TIM, infatti, per fare fronte alle perdite generate dal nuovo sistema di fatturazione, ha deciso di aumentare dell'8,6 per cento il canone di rete fissa che, di fatto, renderà praticamente inutile il nuovo regime di fatturazione previsto dal Governo Gentiloni.

Per gli utenti, quindi, non vi sarà alcun cambio a livello di costi, dal momento che si pagheranno si 12 fatture, ma gli abbonamenti costeranno praticamente lo stesso, e saranno spalmati su meno bollette.

Gli altri operatori probabilmente adotteranno la stessa strategia, ma le comunicazioni dovranno essere formalizzate nel giro di qualche mese dal momento che il 5 Aprile entrerà in vigore la legge 172/1.

Resta aperta ancora la questione relativa ai maxi risarcimenti che di cui ha parlato l'AGCOM e che potrebbero portare gli operatori telefonici a restituire agli utenti le somme fatte pagare in eccedenza negli scorsi anni. Il Garante, infatti, aveva previsto uno storno dell'eccedenza (calcolata dal 23 Giugno scorso) sulla prima bolletta con cadenza mensile.

A riguardo, TIM non ha ancora dato alcuna indicazioni. Vi terremo aggiornati non appena saranno disponibili ulteriori novità.

Quanto è interessante?
10