Che fine ha fatto TIM Tribù? La storia tutta italiana della mitica offerta

Che fine ha fatto TIM Tribù? La storia tutta italiana della mitica offerta
di

Dopo aver ripercorso la storia di Alice ADSL (con focus sulla Night & Weekend), torniamo a ripescare su queste pagine delle vicende tutte italiane, che potrebbero sembrare obsolete ma che in realtà sono avvenute non troppi anni fa (rimanendo nei cuori di molti). Questa volta ci soffermiamo sulla mitica offerta TIM Tribù.

Nel 2005, ormai 18 anni fa, TIM era alla ricerca di novità a livello di comunicazione. L'obiettivo era dunque quello di cercare di attirare l'attenzione della fascia più giovane della popolazione, dagli studenti delle medie a quelli delle superiori, arrivando anche nelle università. D'altronde, il contesto vedeva un settore tecnologico in fermento, grazie all'esistenza di telefoni cellulari come il Nokia N70 (con sistema operativo Symbian e tecnologia Java).

In parole povere, si iniziavano a usare molto SMS, telefonate e MSN. Rileggere oggi l'articolo del 2006 di San Marino Rtv dal titolo "Boom di SMS: una nuova forma di comunicazione" può sicuramente far sorridere, ma il periodo era quello. Ecco allora che una realtà importante come TIM non poteva di certo restare fuori dalla nuova frontiera delle comunicazioni, dovendo per certi versi adeguarsi anche alle necessità dei più giovani.

Il successo di TIM Tribù, il piano tariffario arrivato in risposta a queste esigenze, in determinati periodi è stato tale da farla diventare persino l'offerta per cellulari più diffusa in Italia, dato che milioni di clienti l'avevano scelta. Questo anche grazie a spot TV come quello caricato nel 2009 sul canale YouTube comesuonanoisogni, che vedeva la presenza di Fiammetta Cicogna e un immancabile sfondo musicale. Il tema principale? Ovviamente quello della "community", visto il periodo.

Dalla possibilità di chiamare e scrivere agli altri membri della TIM Tribù a "un centesimo al minuto" a Windows Live Messenger, Facebook e MSN gratuiti per un determinato periodo (visto che questi ultimi rientravano nel pacchetto dei cosiddetti Servizi Internet), le possibilità non erano poche per l'epoca. Questo fino ad arrivare, in determinati periodi, alla promessa di 1000 SMS e MMS (messi in evidenza addirittura nei diari della Comix, per fare un esempio).

Quel che è certo è che, qualunque sia la versione che si aveva di TIM Tribù, "l'offerta per i giovani" del noto operatore è rimasta nei cuori di molti. Questo sia perché verteva su uno dei primi momenti di "community" trainati dall'innovazione tecnologica che per via del fatto che, banalmente, coloro che se la ricordano erano più giovani all'epoca.

Il capolinea per TIM Tribù e le sue molteplici versioni è arrivato nel 2010, ma la generazione MTV non ha di certo dimenticato quei momenti (tra l'altro, più di qualcuno potrebbe ricordarsi anche di MTV Mobile, brand in licenza a Telecom Italia in un determinato periodo, ma quella è un'altra storia). Per il resto, su Reddit nel 2023 c'è ancora chi mostra fieramente di essere rimasto con lo stesso piano tariffario da circa 15 anni. Insomma, la storica community di TIM ha ancora quantomeno un membro.