Ecco tre abominevoli fatti sui test nucleari eseguiti nell'Atollo di Bikini

Ecco tre abominevoli fatti sui test nucleari eseguiti nell'Atollo di Bikini
di

Nel novembre 1945, solo pochi mesi dopo lo sgancio delle bombe atomiche sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki alla fine della Seconda guerra mondiale, i leader militari statunitensi iniziarono a pianificare ulteriori test sulle armi nucleari.

Il primo luogo che hanno scelto per mettere in scena un'esplosione era un luogo remoto che probabilmente pochi americani sapevano esistesse. L'Atollo di Bikini, un minuscolo anello di piccole isole coralline con una massa totale di appena due miglia quadrate, faceva parte della più grande catena delle Isole Marshall nell'Oceano Pacifico centrale.

L'Atollo di Bikini ha soddisfatto i criteri dell'esercito, come dettagliato in un rapporto del National Resources Defense Council. Inoltre, la laguna che circondava l'atollo forniva un porto protetto per le navi della Marina Militare, comprese le navi che sarebbero state utilizzate come bersagli. E aveva solo una piccola popolazione - secondo un conto, solo 167 persone - che potevano essere trasferite dai militari.

Nel febbraio 1946, il commodoro Ben H. Wyatt, governatore militare delle Isole Marshall, si recò nell'Atollo di Bikini e incontrò un'assemblea di residenti per dare la notizia che dovevano partire, almeno temporaneamente. Secondo la storia dell'Atollo di Bikini del 2001 di Jack Niedenthal, Per il bene dell'umanità, Wyatt disse loro che i test erano necessari per prevenire guerre future. I residenti hanno reagito con confusione e tristezza.

Tra il 1946 e il 1958, gli Stati Uniti fecero esplodere 23 ordigni nucleari nell'Atollo di Bikini, comprese 20 bombe all’idrogeno. Tra questi c'era il test della bomba H di Castle Bravo del 1° marzo 1954, che raggiunse una resa di 15 megatoni, 1.000 volte più potente della bomba atomica che distrusse Nagasaki nel 1945.

Ecco tre curiosità fatti sui test nucleari nell’Atollo di Bikini:

  1. La prima bomba atomica sganciata sull'atollo di Bikini ha mancato il bersaglio
    L'Atollo è stato scelto come luogo dell'Operazione Crossroads, un programma per indagare sugli effetti delle esplosioni nucleari sulle navi della Marina. Il 1° luglio 1946 andò in scena Test Able. Una flotta bersaglio di 95 navi è stata posizionata nella laguna dell'atollo di Bikini, con animali da laboratorio - maiali, capre e topi - a bordo in modo che gli scienziati potessero studiare i potenziali effetti delle radiazioni sugli equipaggi delle navi. Una flotta di supporto di altre 150 navi si ritirò in una posizione a 10 miglia nautiche dall'atollo e attese.

    Alle 9 del mattino, un bombardiere B-29 ha sorvolato la laguna e sganciato una bomba atomica, che è esplosa a 520 piedi dalla superficie e ha mancato la nave bersaglio nel mezzo della laguna da 1.500 a 2.000 piedi, secondo un resoconto della Fondazione del patrimonio Atomico. La bomba ha affondato solo cinque navi, ma la forza dell'esplosione e le radiazioni hanno ucciso circa un terzo degli animali da laboratorio.

  2. Il secondo test nucleare all'Atollo di Bikini ha creato uno tsunami
    In Test Baker il 25 luglio 1946, le forze armate statunitensi tentarono un approccio diverso, facendo esplodere una bomba a 90 piedi sotto la superficie dell'acqua della laguna. È stato il primo test subacqueo di un'arma nucleare e ha provocato ogni sorta di fenomeni sorprendenti, secondo l’Atomic Heritage Foundation. L'esplosione ha generato un'enorme bolla di gas caldo che si è espansa contemporaneamente verso il basso e verso l'alto.

    In fondo, ha scolpito un cratere profondo 30 piedi e largo 2.000 piedi sulla superficie del fondo del mare. In superficie, esplose come un geyser e creò un'enorme cupola d'acqua che alla fine raggiunse un'altezza di oltre un miglio. L'esplosione ha innescato uno tsunami con un'onda alta 94 piedi, così potente da sollevare l’Arkansas, una nave da 27.000 tonnellate. L'ondata d'acqua travolse molte delle navi bersaglio, ricoprendole di radioattività. Otto delle navi furono affondate, secondo un resoconto della US Navy.

  3. I sovietici hanno assistito ai test, ma non ne sono rimasti colpiti
    Uno degli osservatori Simon Peter Alexandrov disse a uno scienziato statunitense che se lo scopo del test era spaventare i sovietici, non aveva funzionato, perché i sovietici avevano bombardieri che potrebbero raggiungere le città degli Stati Uniti, secondo il National Security Archive. Il quotidiano sovietico Pravda ha successivamente criticato i test statunitensi definendoli un "ricatto comune" e ha affermato che, a parte alcune navi da guerra obsolete, l'unica cosa che gli Stati Uniti avevano fatto saltare in aria era "la fede nella serietà dei discorsi americani sul disarmo atomico".

FONTE: History
Quanto è interessante?
5