Meno tre all'obbligo di POS in Italia: doppia multa per chi non lo accetta

Meno tre all'obbligo di POS in Italia: doppia multa per chi non lo accetta
di

Come noto, il Governo ha anticipato l’obbligo di POS in Italia al 30 Giugno 2022, e la data è ormai arrivata. Tra tre giorni infatti scatterà la doppia sanzione per gli esercenti che non accetteranno i pagamenti digitali, come previsto dal PNRR.

Il provvedimento è stato preso per contrastare l’evasione fiscale e prevede una sanzione amministrativa di 30 Euro + il 4% del valore della transazione rifiutata con POS. Ciò vuol dire che si uno scontrino da 100 Euro per cui non è stato possibile usufruire del pagamento con POS, sarà pagata una sanzione di 30 Euro + il 4% da calcolare sui 100 Euro, per un totale di 34 Euro.

Come previsto dal decreto, sono obbligati a rispettare la normativa artigiani, ristoranti, baristi, ma anche negozianti ambulanti, oltre che notai, avvocati, ingegneri, geometri, commercialisti, medici, consulenti del lavoro e dentisti.

La sfida più importante sarà quella dei controlli e dei possibili escamotage: il Codacons infatti spiega che la normativa esclude l’obbligo di pagamento con POS in caso di “oggettiva impossibilità tecnica”. Ad esempio, “il commerciante che dichiara di avere il Pos fuori uso non è passibile di sanzione. Non solo. Per essere in regola con la nuova norma, esercenti e professionisti potrebbero limitarsi ad accettare anche un unico circuito e una sola tipologia di carta di debito (per esempio il bancomat) e una sola di credito, restringendo così il diritto degli utenti a pagare con Pos”.

Assoutenti invece osserva come i costi del POS per gli esercenti siano elevati e chiede un azzeramento delle commissioni interbancarie.

FONTE: Rainew
Quanto è interessante?
5