Miner nei banner di YouTube, l'incredibile scoperta di Trend Micro

di

Incredibile scoperta effettuata dalla società di ricerca Trend Micro. Alcuni dipendenti della compagnia, infatti, sembrerebbero aver scovato dei miner all'interno di alcuni banner pubblicitari presenti nel circuito di YouTube e distribuiti dalla piattaforma Double Click.

La scoperta è stata effettuata a seguito di molte segnalazioni arrivate da alcuni utenti, i quali avevano segnalato il blocco di miner da parte degli antivirus installati sui computer. Solo successivamente Trend Micro ha scoperto delle righe di codice riconducibili a Coinhive e che è stato rinvenuto nei banner pubblicitari presenti sulla famosa piattaforma di streaming del gigante dei motori di ricerca.

Col passare delle ore sono aumentate in maniera esponenziale le segnalazioni degli utenti, che hanno condiviso molti screenshot che mostravano avvisi da parte degli antivirus su Twitter.

Il servizio offerto da Coinhive è stato al centro di non poche polemiche in quanto consente ai gestori dei siti web di ottenere profitti attraverso la gestione della criptovaluta Monero, con un sistema che si attiva in automatico nel momento in cui l'utente visualizza una pagina.

Coinhive infatti ha messo su un sistema che entra in azione in automatico attraverso l'esecuzione del codice JavaScript il quale, sfruttando i processori dei computer, ed aumentando il consumo energetico da parte degli utenti, genera la moneta virtuale.

Tra i paesi più colpiti, secondo Trend Micro che ha effettuato un'analisi sulla piattaforma Double Click di Google, ci sarebbero Italia, Francia, Spagna, Giappone e Taiwan, ma il dato preoccupante è rappresentato dal fatto che circa il 90 per cento delle inserzioni pubblicitarie presenti su YouTube utilizzerebbe il codice di Coinhive, con il 10 per cento che ne utilizza un altro per evitare di pagare il 30 per cento delle commissioni.

Gli script, comunque sono in grado di utilizzare fino all'80 per cento del totale della CPU.

Immediata è arrivata la risposta di YouTube, che attraverso un portavoce ha affermato di aver soppresso l'attacco e bloccato gli annunci pubblicitari in meno di due ore. Inoltre, gli aggressori sono stati rimossi immediatamente dalle piattaforma.

FONTE: TechTimes
Quanto è interessante?
7
Miner nei banner di YouTube, l'incredibile scoperta di Trend Micro