Treni e RFI ancora alle prese con gli hacker: segnalati problemi nelle stazioni italiane

Treni e RFI ancora alle prese con gli hacker: segnalati problemi nelle stazioni italiane
di

Ancora problemi nelle stazioni italiane dopo l’attacco hacker a Trenitalia e Ferrovie dello Stato di cui abbiamo parlato di ieri e che secondo l'ANSA sarebbe da collegare ad un gruppo di hacker russi. Come segnalato sui social da vari utenti, nelle stazioni del Bel Paese la situazione ancora non è tornata alla normalità.

A quanto pare, infatti, la situazione non sarebbe tornata alla normalità: ad esempio a Roma Termini e nelle altre principali stazioni gli annunci dei treni in partenza ed arrivo verrebbero fatti a voce e non con il nastro preregistrato. Segnalati disservizi anche con i tabelloni, che non funzionerebbero, così come i sistemi di informazione come Viaggiatreno.

Nella serata di ieri, intanto, è arrivata una parziale smentita da parte del gruppo Ferrovie dello Stato sulla matrice dei disservizi. “Allo stato attuale non sussistono elementi che consentano di risalire all’origine e alla nazionalità dell’attacco informatico” si legge in una nota ottenuta dai Rai News, in cui il gruppo RFI sottolinea che “sta lavorando in stretta collaborazione con l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale e con la Polizia”. Inoltre, “il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (Cnaipic) della Polizia Postale è impegnato a condurre tutti gli adeguati controlli e verifiche su quanto accaduto oggi”.

Quanto è interessante?
4