La triste visione che ha spinto James Spratt a inventare il cibo per cani

La triste visione che ha spinto James Spratt a inventare il cibo per cani
di

Uova, piselli, pane e carni (come pollo e prosciutto) sono alimenti molto apprezzati, sia da noi che dai nostri amici a quattro zampe: i cani. D’altra parte, invece, cibi come cioccolato e cipolle possono essere incredibilmente pericolosi per il nostro Fido.

Natália Kovalkovičová ha pubblicato nel 2009 un libro che fa luce proprio sugli alimenti tossici per tutti gli animali domestici (Some food toxic for pets): “Il cioccolato è tossico per tutte le specie, specialmente per i cani più piccoli... Il cioccolato fondente è più tossico, mentre il cioccolato al latte lo è meno e il cioccolato bianco deve essere consumato in quantità estremamente elevate per causare un problema serio”.

La scuola di pensiero migliore è sempre quella di offrire al nostro Fido solo alimenti appositamente sviluppati per la loro dieta. Colui che per primo inventò il “cibo per i cani” fu James Spratt, nel 1860. Egli era un commerciante e un tecnico dei parafulmini dell’Ohio. Per svolgere le sue professioni, Spratt ha viaggiato in molti luoghi, fino ad arrivare a Liverpool, in Inghilterra, il cui molo era importantissimo.

In loco, secondo la storia, l’uomo vide dei poveri cani randagi nutrirsi di biscotti “umani”. Tuttavia, questi erano potenzialmente letali per le bestiole, ma erano anche l’unico cibo che avevano a disposizione. Sulla scia di “Hardtack”, un biscotto capace di soddisfare l’appetito dei soldati americani per molto tempo, Spratt volle creare un alimento specifico per i cani. Prima della sua invenzione, gli animali domestici sopravvivevano con gli avanzi delle portate dei loro padroni o andando semplicemente alla ricerca di cibo.

Senza la Meat Fibrine Dog Cake di Spratt, non avremmo le odierne crocchette e tutta quella serie di alimenti che possiamo offrire in sicurezza al nostro Fido. Nonostante nasca per permettere ai cani randagi di sopravvivere, il bocconcino - a base di verdure, barbabietola, manzo e grano - attirò l’attenzione dei nobili dell’epoca, i quali volevano il meglio per i loro cagnolini.

FONTE: Grunge
Quanto è interessante?
2