Sono stati trovati i fossili di Homo di Denisova più antichi, ecco a quando risalgono

Sono stati trovati i fossili di Homo di Denisova più antichi, ecco a quando risalgono
di

L'Homo di Denisova è una specie estinta di ominidi trovata per la prima volta nel 2010. La specie è stata identificata sulla base del DNA mitocondriale estratto da un osso di un dito dalla grotta Denisova nei monti Altai (in Mongolia). Questi ominidi avevano grandi affinità con i Neanderthal e il loro DNA si trova anche negli uomini moderni.

Recentemente sono stati trovati nuovi campioni di questa specie umana all'interno della grotta di Denisova. I ricercatori hanno dettagliato le loro scoperte sulla rivista Nature Ecology & Evolution e riportano di aver trovato 3.791 frammenti ossei nella cavità naturale, tre dei quali sono stati identificati come resti di Denisova in base al loro DNA mitocondriale.

Questi sono i frammenti più antichi trovati e risalgono a 200.000 anni fa. Prima di questa scoperta, i resti più antichi conosciuti erano datati tra 122.000 e 194.000 anni. All'interno dei sedimenti i ricercatori hanno trovato anche i resti di alcuni animali (cervi, cavalli, bisonti, gazzelle e rinoceronti lanosi), cosa che ha permesso agli esperti di ricostruire la dieta degli ominidi (recentemente è stato scoperto il cranio di una specie di ominidi misteriosa).

Sono stati trovati perfino degli utensili in pietra nello stesso strato di sedimento, fornendo prove dirette ai ricercatori della capacità dell'Homo di Denisova della fabbricazione e dell'utilizzo di strumenti usati per "attività di lavorazione della pelle animale, come raschiare, tagliare e/o segare". All'interno della caverna, inoltre, i ricercatori hanno trovato anche la presenza di lupi e licaoni, suggerendo che non fossero gli unici "abitanti" della cavità naturale.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
3