Trump taglierà del 72% i fondi alla ricerca nel campo delle energie rinnovabili

INFORMAZIONI SCHEDA
di

La Casa Bianca continua la sua lotta nei confronti delle rinnovabili a favore delle energie fossili. Stando a Engadget nel 2019 sono previsti tagli del 72% al budget dedicato alla ricerca nel settore delle così dette energie pulite.

A lanciare il monito prima di tutti è il Washington Post che sarebbe entrato in possesso di una bozza di proposta dove si leggono tagli pesantissimi al dipartimento Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE). Si parla di 575.5 milioni di dollari per il 2019, un bel calo contando che ad oggi il budget è di due miliardi e passa. Quella dei tagli è una lista drammaticamente estesa: via ai fondi per la ricerca dedicata all'efficientamento delle immissioni dei veicoli, ma anche a quelli per le così dette bionergy, energia solare e veicoli elettrici.

Tagli anche al personale, si dovrebbe passare dai 680 membri dello staff di oggi ad appena 450. Una notizia che lascia gli impiegati in un profondo stato di avvilimento: "significa che non siamo stai in grado di convincere l'amministrazione del nostro valore", ha spiegato al Washington Post uno degli uomini dell'EERE.

I tagli alla ricerca nel campo delle energie pulite non sono un fulmine a ciel sereno: Trump da quando ha ricoperto il suo ufficio ha già preso decisioni radicali in materia ambientale, come la rescissione unilaterale dal Trattato di Parigi, l'istituzione di dazi per l'importazione di pannelli solari e la scomparsa di qualsiasi riferimento al cambiamento climatico nei documenti strategici della sicurezza nazionale USA.

Tutto questo mentre in Europa, al contrario, si stanno facendo passi da gigante nel campo delle rinnovabili e della lotta ad energie fossili ed immissioni inquinanti.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
5