TV 8K resteranno in Europa dopo il 2023, ma con dei limiti di consumo importanti

TV 8K resteranno in Europa dopo il 2023, ma con dei limiti di consumo importanti
di

Lo scorso ottobre abbiamo parlato della possibile illegalità dei TV 8K in Europa dal 2023 a causa dei consumi energetici particolarmente elevati. Ebbene, la Commissione europea ha confermato che l’indice di efficienza energetica sarà più severo, ma non renderà per forza illegali i televisori con display 8K o microLED.

Proprio in queste ore è giunta la conferma ai colleghi di DDay, i quali hanno interpellato la Commissione per dare una risposta definitiva ai dubbi dei consumatori e delle aziende. In poche parole, i limiti stabiliti dal Regolamento UE 2019/2021 non verranno revisionati ed entreranno in vigore, presumibilmente, a partire dal 1° marzo 2023.

Secondo tale regolamento, tutti i televisori vedranno vincoli più stringenti a prescindere dalla tipologia del pannello: per i TV 4K l’Energy Efficiency Index (EEI) scenderà a 0,90 da 1,10, mentre i display con risoluzione massima HD dovranno scendere a 0,75. Nel caso dei pannelli superiori all’Ultra HD e microLED, invece, se prima non v’erano vincoli ora ci si posiziona a un EEI di 0,90 proprio come per i televisori 4K.

Se si considera il televisore microLED Samsung oggi disponibile, il suo EEI è quattro volte superiore al limite consentito. O ancora, i TV 8K Samsung stanno tra un indice di 2,1 e di 2,4. Di conseguenza, i limiti che entreranno in vigore renderebbero effettivamente illegali i modelli esistenti. Ciò non vieta comunque ai produttori di ottenere la conformità lavorando sulle rispettive tecnologie, ma potrebbe volerci molto tempo prima di vedere tali dispositivi rivisti nei negozi online e retail.

Parlando sempre di televisori 8K, vi rimandiamo alla recensione del Samsung QN900B.

Quanto è interessante?
4