Twitch, gli streamer lanciano il NoStreamDay: tra i firmatari c'è anche Fedez

Twitch, gli streamer lanciano il NoStreamDay: tra i firmatari c'è anche Fedez
di

Cinquanta streamer di Twitch hanno lanciato una protesta contro Amazon. Si chiama #NoStreamDay, un vero e proprio sciopero contro Amazon che chiede alla società di Jeff Bezos, che ha acquistato la piattaforma di streaming più popolare del web, maggiore chiarezza sulle politiche interne.

La mobilitazione nasce a seguito del ban di uno streamer per 6 mesi, che però successivamente sarebbe stato allontanato in maniera permanente dalla piattaforma.

Nel Manifesto degli Streamer di Twitch, lanciato, gli organizzatori di questo sciopero sottolineano che "nasce in seguito ai recenti avvenimenti ai danni di un collega, che è stato bannato in maniera permanente da Twitch" negli scorsi giorni. Ad essere contestato non è il ban, ma "la modalità con il quale è stato perpetrato. Non è pensabile bannare uno streamer inizialmente per 6 mesi per poi comunicargli, al termine della scadenza, l’allontanamento perenne dalla piattaforma. Allontanamento che, chiaramente, prevede l’interruzione dell’attività lavorativa su Twitch e la conseguente impossibilità a tornare ad utilizzare il proprio canale. Riteniamo che sei mesi di attesa siano inconcepibili visto che stiamo parlando di un’attività che per noi è una professione a tutti gli effetti".

Nella pagina web dedicata vengono avanzate una serie di richieste ad Amazon, con la speranza di rendere Twitch un posto migliore.

Tra i firmatari dell'iniziativa c'è anche Fedez, che ha aperto da poco il suo canale Twitch, oltre che Luis Sal, Croix89 ed altri streamer famosi.

Quanto è interessante?
4