Twitch, quali sono gli streamer più trollati? Il bizzarro studio che li ha classificati

Twitch, quali sono gli streamer più trollati? Il bizzarro studio che li ha classificati
di

In queste settimane abbiamo approfondito il simpatico argomento delle unità di misura più bizzarre mai inventate, tra cui le banane e le renne. Ma se vi dicessimo che esiste anche un "rating" per gli streamer più trollati di Twitch?

Ebbene sì. Un nuovo studio condotto da Ebuyer ha analizzato la questione cercando di comprendere, tra i più noti streamer e broadcaster attualmente in circolazione sulla piattaforma viola, quali siano effettivamente quelli più presi di mira dai loro stessi follower.

Per farlo, si sono presi in considerazione ovviamente i più seguiti a livello globale, cercando di quantificare al contempo il numero di conversazioni negative che li riguardano direttamente. In questo modo, si è riusciti a ottenere il cosiddetto "trolling rate" e a guidare la classifica è Ibai, streamer dell'anno del 2020 e del 2021, che conquista il podio con i suoi 10,1 milioni di follower e un rate del 28,7%, praticamente quasi uno su tre dei suoi seguaci.

Secondo in classifica lo spagnolo Elded, con un trolling rate del 27,9% su 5 milioni di follower. Terzo JuanSGuarnizo, seguito da Rubius, rispettivamente al 24,3 e 23,5% di troll.

Questo fenomeno, spiega lo studio, potrebbe essere spiegato anche dal tipo di contenuti portati sulla piattaforma dai creator. Infatti, contro ogni pronostico, Ninja è solo 28esimo con appena il 6,8% di trolling rate, dovuto sia ai contenuti che ai rigidi protocolli richiesti alla community.

Ma come si gestisce questo genere di interazioni? Ebuyer ha chiesto al Dr. Dennis Relojo-Howell, fondatore e AD di Psychreg, come può uno streamer affrontare questo fenomeno in virtù del fatto che molti difficilmente riescono a staccare realmente dal loro lavoro in rete. Lo specialista ha spiegato che "Poiché i trolls vivono per provocare, la prima cosa da fare è ignorarli. Se non funziona e diventano più insistenti, puoi segnalarli al team di sicurezza del sito [...] Ora, per coloro che sono responsabili di una piattaforma: diciamo un blogger o un canale YouTube, è necessario creare linee guida chiare che includano una politica di "no trolling" [...] Se ancora non funziona, puoi provare a ‘kill them with kindness'. Può dimostrarsi piuttosto difficile essere gentili con coloro che sono maleducati con noi, ma poiché i troll di solito cercano un litigio, reagire con un approccio opposto può spesso prenderli alla sprovvista e farli fermare".

Quanto è interessante?
1