Twitter: rimossi 1,2 milioni di account che promuovevano il terrorismo

di

Twitter ha pubblicato nella giornata di ieri il rapporto sulla trasparenza, condividendo alcune informazioni estremamente interessanti sulla gestione degli account che inneggiano al terrorismo. Complessivamente, dall'agosto del 2015, la società ha rimosso oltre 1,2 milioni di account che promuovevano contenuti terroristici.

Durante la seconda metà dello scorso anno, ha sospeso in via definitiva 274.460 account per questo motivo, un numero leggermente inferiore a quello registrato nella prima metà del 2017.

Twitter si è detta contenta per questo calo, che è frutto di "anni di duro lavoro che rendono il nostro sito un luogo indesiderabile per coloro che cercano di promuovere il terrorismo".

Di questi account rimossi dal 1 Luglio al 31 Dicembre, il 93 per cento è stato identificato da strumenti ed algoritmi interni. Il 74 per cento è stato sospeso prima che potesse twittare, ma sono diminuiti anche i rapporti governativi sulle violazioni.
Lo scorso settembre, Twitter ha riferito che i rapporti di origine governativa rappresentavano meno dell'uno per cento delle rimozioni, mentre ore sono allo 0,2 per cento.

Oltre agli aggiornamenti sui contenuti terroristici, Twitter ha condiviso anche informazioni su alcune modifiche apportate a come vengono notificate quando il contenuto viene identificato. Ora infatti il sistema si differenzia quando il contenuto viene bloccato a causa di un ordine del tribunale o delle leggi locale.

Il rapporto inoltre rileva che tra il primo ed il secondo semestre del 2017 è stato registrato un aumento del 38 per cento delle notifiche di rimozione per violazione di copyright su Twitter e Periscope, in calo del 18 per cento.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
4

Gli ultimi Smartphone, TV 4K o gli accessori più GEEK li trovate in offerta su Amazon.it