Uber: un conducente in India riconosciuto colpevole per aver violentato una donna

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un conducente Uber è stato giudicato colpevole per aver violentato una donna durante un viaggio tenuto a Delhi lo scorso anno. Il giudice dovrebbe pronunciare la sentenza venerdì prossimo e per Shiv Kumar Yadav si prospetta il massimo della pena, ovvero l'ergastolo.

Yadav è stato arrestato lo scorso mese di Dicembre, dopo che una donna di 26 anni ha sporto denuncia. Tutto ciò ha portato anche ad un blocco temporaneo del servizio e le proteste dei taxi di Delhi. I tassisti, come già accaduto in altre parti del mondo, hanno chiesto una regolamentazione più dura e maggiore protezione per le vittime di violenza sessuale. Uber è stato quindi soggetto a numerosi controlli.
La vittima ha sporto denuncia anche negli Stati Uniti, sostenendo che la società è stata troppo negligente con i controlli, ma alla fine le due parti hanno trovato un accordo. L'ufficiale di polizia di Nuova Delhi, Brijendra Kumar Yadav, ha anche rivelato all'Associated Press che le autorità stanno indagando per una possibile complicità criminale da parte di Uber.
Durante l'estate Uber ha annunciato un investimento da 1 miliardo di Dollari in India per migliorare le misure di sicurezza per i propri passeggeri dopo l'incidente. A febbraio ha anche introdotto il tasto SOS che consente agli utenti di contattare rapidamente le autorità locali in caso di emergenza, ed ha promesso che migliorerà il processo di screening.
L'aggressione sessuale è un crimine terribili e siamo sicuri che il criminale sia stato assicurato alla giustizia” afferma Amit Jain, presidente di Uber India. “La sicurezza è una nostra priorità ed abbiamo apportato molti miglioramenti, sia in termini di nuove tecnologie che migliorando quelle esistenti, a seguito delle lezioni che abbiamo imparato da questo caso terribile. Uber farà sempre meglio, ed è il motivo per cui siamo costantemente alla ricerca di nuovi modi per migliorare la sicurezza prima, durante e dopo la corsa”.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
0