Ultima idea di architetto: città sotterranee per sfuggire dal riscaldamento climatico

Ultima idea di architetto: città sotterranee per sfuggire dal riscaldamento climatico
di

Qualora riuscissimo ad evitare alcuni dei peggiori impatti del cambiamento climatico, alcune parti del mondo potrebbero gradualmente diventare così calde che le persone non potrebbero più vivere in questi luoghi. Un po' come quello che succederebbe con l'innalzamento del livello del mare, altra conseguenza del riscaldamento della Terra.

Ciò significa che milioni di persone potrebbero ritrovarsi alla ricerca di un nuovo luogo in cui vivere. Tuttavia, invece di emigrare come rifugiati, un numero crescente di ricercatori ed esperti di design sospettano che potrebbero rimanere dove stanno, ma sottoterra: costruendo città sotterranee sotto quelle in cui viviamo oggi, secondo OneZero.

In alcuni luoghi, le persone lo stanno già facendo. Ad esempio a Coober Pedy, in Australia, dove l'intera città esiste in trincee e caverne profonde 9 metri in modo che le persone possano sfuggire al caldo insopportabile del deserto. Ci sono altre città del mondo con questa curiosa caratteristica: ad esempio in Montréal (Canada) e Sapporo (Giappone).

"Abbiamo pensato che sarebbe stata un'idea molto interessante", afferma l'architetto Esteban Suárez a OneZero, "invece di salire su un grattacielo, cosa accadrebbe se scavassimo strati di città?" L'idea dell'uomo è quella di utilizzare questi "rifugi" sotterranei per sfuggire alle temperature sempre più alte in alcune zone del mondo, una conseguenza diretta del riscaldamento globale.

Dunque la domanda che sorge è una: dobbiamo davvero arrivare a questo punto?

FONTE: futurism
Quanto è interessante?
2