Un liceo francese vuole tracciare gli alunni via Bluetooth. Monta la protesta

Un liceo francese vuole tracciare gli alunni via Bluetooth. Monta la protesta
di

Protesta in Francia, dove una scuola privata, per la precisione un istituto di orientamento cattolico religioso, vorrebbe imporre ai propri studenti di portare un dispositivo Bluetooth per localizzarli. In questo modo, fanno sapere dall'istituto, sarà possibile verificare la presenza dei ragazzi a lezione, ma il tutto va ben oltre.

Gli studenti del Lycèé Rocroy Saint-Vincent de Paul, infatti, ascoltata la proposta hanno immediatamente fatto partire una mobilitazione di massa che ha portato ad una petizione firmata da 3.500 studenti. In un tweet, una studentessa ha reso noto come, ascoltata la notizia, credeva "non fosse legale" localizzare gli studenti da parte di una scuola, ed ha sottolineato anche come altri compagni di classe abbiano accolto con sgomento la decisione degli insegnanti.

Ad aggravare ulteriormente la protesta il fatto che il progetto sia stato annunciato senza alcuna consultazione con il collegio dei genitori.

L'obiettivo di questo progetto è permettere ai professori di capire rapidamente chi non si è presentato a lezione, senza dover fare l'appello con i registri. Tutto tempo risparmiato a favore dell'insegnamento.

I promotori del progetto sottolineano anche che questo sistema potrebbe rivelarsi molto utile in caso di incendi o gite scolastiche, aumentando in maniera sostanziale la sicurezza.

Le informazioni di localizzazione verrebbero fornite alla scuola attraverso un'applicazione che si aggiorna in tempo rete. Per coloro che dimenticano il dispositivo progettato da una startup, o che lo smarriscono, è prevista una multa di 10 Euro.

Quanto è interessante?
4

Il caffè di Starbucks a casa tua con le pratiche capsule in vendita su Amazon.it, compatibili con le macchine espresso delle principali marche.