Un sex toy ha registrato e memorizzato i suoni degli utenti

di
Un produttore di sex toy ha riconosciuto che un bug presente nella companion app di Lovesense ha provocato la registrazione e memorizzazione dei suoni prodotti dagli utenti durante l’utilizzo dei gadget.

L’azienda di Hong Kong ha affermato che il tutto è stato causato da un bug nell’applicazione sviluppata, che è stato prontamente corretto attraverso un aggiornamento dedicato.

L’applicazione remota permetteva agli utenti di controllare i sex toys attraverso il Bluetooth, che utilizzava i microfoni degli smartphone per ascoltare i suoni circostanti per sincronizzare i rumori durante l’esperienza di utilizzo.

La compagnia ha precisato, per fare chiarezza sulla questione, che “il nostro sistema è progettato per registrare meno informazioni possibili sugli utenti”, per dimostrare che gli audio non venivano inviati ad alcun server.

La scoperta è stata effettuata da un utente Android giovedì scorso, quando frugando tra le cartelle del sistema operativo ha trovato untile chiamato tempSoundPlay.3gp, che conteneva una registrazione completa dell’ultima volta che aveva utilizzato il vibratore in piscina.

L’azienda descrive il problema come “un piccolo bug” limitato ad Android, dopo di che ha provveduto al rilascio dell’aggiornamento che “elimina anche i file audio temporanei ogni volta che si chiuderà l’app”.

FONTE: BBC
Quanto è interessante?
8