Una ricerca conferma la collisione tra le due Nubi di Magellano

Una ricerca conferma la collisione tra le due Nubi di Magellano
di

Questi puntini visibili nell'immagine in calce, più luminosi rispetto agli altri, sono galassie satellite della Via Lattea, chiamate "Piccola Nube di Magellano" e "Grande Nube di Magellano". Come visibile all'interno della news, una regione della galassia si sta allontanando dalla piccola nube: I ricercatori sono certi si tratti di una collisione.

Usando i dati appena rilasciati dalle osservazioni tramite diversi telescopi spaziali, gli astronomi dell'Università del Michigan hanno scoperto che la regione sud-orientale ("ala") della Piccola Nube di Magellano si sta allontanando dal corpo principale della galassia, fornendo una conferma sul fatto che entrambe le nubi di Magellano siano "recentemente" entrate in collisione.

Il professore di astronomia Sally Oey, autore principale dello studio commenta: "Questo è davvero uno dei nostri più entusiasmanti risultati", ha detto "Si può effettivamente vedere la regione separata si sta allontanando dal resto della SMC" ("Small Magellanic Cloud", Piccola Nube di Magellano N.D.R).

Oey e il ricercatore universitario Johnny Dorigo Jones, affiancati da un team di ricercatori internazionale, stavano esaminando l'SMC alla ricerca di stelle che sono state espulse dal centro della galassia. Per osservare questa galassia stavano usando un recente rilascio di dati da Gaia, un nuovo telescopio orbitante lanciato dall'Agenzia spaziale europea.

Gaia è stato progettato per l'immagine di stelle ancora e ancora per un periodo di diversi anni al fine di tracciare il loro movimento in tempo reale. In questo modo, gli scienziati possono misurare come le stelle si muovono attraverso il cielo.

"Abbiamo guardato a stelle giovani molto massicce e calde, le stelle più calde e luminose, che sono piuttosto rare", ha detto Oey. Ed esaminare le stelle in una singola galassia aiuta gli astronomi secondo due aspetti: Fornisce un campione statisticamente completo delle stelle presenti in una galassia. Ed inoltre, fornisce agli astronomi dati sulla distanza media di tutte le stelle, che favorisce il calcolo della loro velocità individuale.

"È davvero interessante che Gaia abbia ottenuto i movimenti corretti di queste stelle: questi movimenti contengono tutto ciò che stiamo osservando. Ad esempio, se osserviamo qualcuno che cammina nella cabina di un aereo in volo, il movimento che vediamo contiene quello dell'aereo, così come il movimento molto più lento della persona che cammina" spiega Dorigo Jones, facendo riferimento alle basi dell'analisi dei moti relativi.

Prosegue:"Così abbiamo rimosso il movimento complessivo dell'intera SMC per saperne di più sulle velocità delle singole stelle. Siamo interessati alla velocità delle singole stelle perché stiamo cercando di capire i processi fisici che si verificano all'interno della Nube".

Osservando questi dati, il team ha anche osservato che tutte le stelle all'interno dell'ala, a sud-est della SMC, si stanno muovendo in una direzione e velocità simili. Ciò dimostra che probabilmente SMC e LMC hanno avuto una collisione alcune centinaia di milioni di anni fa.

La collaboratrice dello studio Gurtina Besla, astronoma dell'Università dell'Arizona, ha modellato la collisione tra le due Nubi. Hanno calcolato una collisione diretta avvenuta molti anni fa avrebbe indotto la regione dell'ala SMC a muoversi verso la Grande Nube, mentre se le due galassie fossero semplicemente passate vicine l'una all'altra, le stelle dell'ala si sarebbero mosse in direzione diversa, perpendicolare a quella attuale. Invece, l'ala si sta allontanando dalla SMC ed è in direzione della Grande Nube, dichiara Oey, confermando che si tratta di una collisione diretta. E' possibile apprezzare la direzione del moto nell'immagine in fondo alla news, oppure in risoluzione maggiore a questo link.

"Vogliamo quante più informazioni possibili su queste stelle per comprendere meglio questi meccanismi di espulsione", ha detto Dorigo Jones. "Tutti amano meravigliarsi di fronte alle immagini di galassie e nebulose che sono incredibilmente lontane, ma la SMC è così vicina a noi che possiamo vedere la sua bellezza nel cielo notturno solo a occhio nudo", conclude.

FONTE: phys
Quanto è interessante?
9

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!

Una ricerca conferma la collisione tra le due Nubi di Magellano