Diventa l'uomo più radioattivo del mondo ma incredibilmente sopravvive, ecco la storia

Diventa l'uomo più radioattivo del mondo ma incredibilmente sopravvive, ecco la storia
di

Nel maggio del 1945, la vita di Albert Stevens, un pittore di case californiano, prese una svolta drammatica quando gli fu erroneamente diagnosticato un cancro allo stomaco, con una previsione di vita residua di soli sei mesi. Quello che sembrava già un destino crudele si trasformò in un incubo ancora peggiore.

Il tutto quando, senza saperlo, divenne il protagonista di un esperimento nucleare legato al Progetto Manhattan. Gli scienziati, preoccupati dagli effetti del plutonio sull'organismo umano, avevano raccomandato studi approfonditi sul suo comportamento all'interno del corpo. Stevens, identificato come paziente CAL-1, fu sottoposto a iniezioni di plutonio-239 e plutonio-238, ricevendo così la dose di radiazioni più alta mai somministrata a un essere umano fino a quel momento.

Contrariamente alle aspettative, dopo un anno senza segni di nuovo cancro, fu chiaro che il problema di Stevens era in realtà un'ulcera gastrica benigna. Ciò significava che a un uomo per altro sano era stata somministrata una quantità di radiazioni molteplici volte superiore alla dose letale ritenuta tale dai manuali di medicina dell'epoca.

Senza essere stato adeguatamente informato degli esperimenti condotti su di lui, Stevens non diede mai un consenso informato. Gli scienziati, per poter continuare a monitorare i livelli di radiazione nel suo corpo, decisero di pagarlo affinché rimanesse nella zona e fornisse campioni biologici. Nonostante fosse stato esposto a 446 volte la dose media di plutonio considerata sicura per una vita intera, Stevens visse altri 21 anni, morendo all'età di 79 anni per una malattia cardiaca, mentre il dottor Joseph Hamilton, uno degli scienziati coinvolti, morì a 49 anni di leucemia, probabilmente a causa dell'esposizione alle radiazioni nel corso del suo lavoro.

A proposito, ma quanto è radioattivo il corpo umano?

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi