Negli USA è scoppiata un'epidemia di Salmonella... per colpa delle cipolle

Negli USA è scoppiata un'epidemia di Salmonella... per colpa delle cipolle
di

Secondo quanto riportato dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli Stati Uniti, delle cipolle importate da Chihuahua, in Messico, hanno causato un'epidemia di Salmonella in tutto il territorio: sono più di 650 persone ad aver contratto il batterio in 37 stati.

Gli esperti, però, affermano che questo numero è molto più alto. Le interviste con i malati, hanno subito identificato le cipolle come le responsabili di questa epidemia; il 75% degli intervistati, infatti, ha riferito di aver mangiato cipolle crude o piatti con cipolle crude prima di ammalarsi, mentre il restante 25% non sapeva cosa avesse mangiato (il batterio della Salmonella venne anche utilizzato per il più grande attacco biologico degli USA).

Si è anche trovata una correlazione in alcuni ristoranti in cui le persone hanno mangiato prima di ammalarsi, che avevano in comune lo stesso fornitore di cipolle (ProSource Inc.). L'azienda si è già occupata di ritirare il lotto colpito dalla Salmonella, ma poiché queste cipolle possono durare per tre mesi, potrebbero essere ancora in circolazione.

I sintomi della Salmonella, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, includono dissenteria, febbre e crampi allo stomaco che possono sorgere fino a sei giorni dopo aver mangiato il cibo. La maggior parte delle persone che si ammala guarisce entro quattro o sette giorni senza un trattamento specifico, ma i soggetti con un sistema immunitario debole (come bambini e anziani) potrebbero aver bisogno di cure (per altre creature come gli uccelli la Salmonella è letale, invece).

Quanto è interessante?
1