Vaccino Coronavirus: possibili test sull'uomo in Italia già dall'estate

Vaccino Coronavirus: possibili test sull'uomo in Italia già dall'estate
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Da inizio pandemia i principali laboratori stanno lavorando per dare al mondo un vaccino contro il Coronavirus nel più breve tempo possibile. Quest'oggi arriva una buona notizia anche dal fronte italiano, perchè il consorzio europeo costituto da ReiThera di Pomezia (Roma), Leukocare di Monaco e Univercells di Bruxelles ha dato una nuova speranza.

L'azienda di Pomezia ha annunciato che "sta svolgendo le attività preparatorie per iniziare i test, ma la produzione su larga scala verrà avviata subito dopo". I primi test sull'uomo potrebbero cominciare in Italia già dalla prossima estate, ma al momento i dettagli sono pochi.

Nella lunga nota le tre società sottolineano di aver unito "gli sforzi nella lotta contro questa devastante pandemia mettendo in comune le rispettive competenze al fine di accelerare lo sviluppo rapido di un vaccino basato su di una singola dose". Il consorzio ha precisato che le sfide sono due: oltre allo sviluppo di un vaccino, infatti, bisognerà garantire "la produzione di milioni di dosi a tempi di record", ecco perchè per raggiungere l'obiettivo è stata necessaria l'unione delle forze.

Il lavoro portato avanti è articolato su tre fronti: ReiThere sta lavorando su vaccini basati su vettori di adenovirus, Leukocare su vaccini basati sui vettori virali che potrebbero garantire la stabilità a lungo termine, ed Univercells sulla manifattura su ampia scala di vettori virali grazie all'utilizzo di tecnologie innovative.

Il Consorzio, inoltre, sta lavorando su una formulazione del vaccino che possa consentire alle case farmaceutiche di stabilizzarlo su lunghi periodi, favorendo la distribuzione su scala planetaria. A tale scopo si sta anche creando una tecnologia di produzione in grado di produrre milioni di dosi in tempi rapidi.

Più pessimista ieri invece il CEO di Roche, secondo cui il vaccino potrebbe arrivare non prima di fine 2021.

FONTE: Tgcom
Quanto è interessante?
4