Dopo vent'anni di osservazione sono stati scoperti cinque pianeti "rari"

Dopo vent'anni di osservazione sono stati scoperti cinque pianeti 'rari'
di

Dal 1995 ad ora sono stati scoperti oltre 4000 esopianeti, per confermare la presenza di un pianeta è necessario attendere che abbia compiuto una o più rivoluzioni attorno alla sua stella. Questo può richiedere da alcuni giorni a decenni; Giove, ad esempio, impiega 11 anni per aggirare il sole.

Il telescopio incaricato per questo compito è l'EULER dell'Università di Ginevra (UNIGE), situato presso l'Osservatorio di Silla in Cile.

I pianeti con lunghi periodi di rivoluzione sono di particolare interesse per gli astronomi perché fanno parte di una popolazione molto rara, capaci di spiegare la formazione e l'evoluzione dei pianeti. Nonostante infatti siano stati trovati 4000 pianeti extrasolari, quelli più interessanti sono quelli con l'orbita maggiore.

Fino ad oggi, quasi tutti i pianeti sono stati scoperti usando i due principali metodi: le velocità radiali, che misurano l'influenza gravitazionale di un pianeta sulla sua stella, e i transiti, l'ombra causata da un pianeta che passa davanti al suo stella.

"Fin dal 1998, un programma di monitoraggio planetario è stato istituito e condotto scrupolosamente dai molti osservatori dell'UNIGE che si sono alternati ogni due settimane a La Silla per 20 anni", afferma Emily Rickman, il risultato è notevole: sono stati scoperti cinque nuovi pianeti e sono state definite quattro orbite con esattezza.

Questi pianeti sono incredibilmente "difficili" da osservare, perché hanno periodi di rivoluzione tra i 15 e 40 anni, con masse dalle 3 a 27 volte rispetto quella di Giove, in tutto ne sono stati trovati solamente 26.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
8