La nuova versione di ChatGPT avrà meno allucinazioni, ma "è ancora imperfetto"

La nuova versione di ChatGPT avrà meno allucinazioni, ma 'è ancora imperfetto'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Come abbiamo avuto modo di raccontare su queste pagine, nella serata di ieri OpenAI ha lanciato GPT-4, e continuano ad emergere nuovi dettagli sul funzionamento e sui miglioramenti apportati dagli sviluppatori.

OpenAI, nella fattispecie, ha spiegato che la nuova versione di GPT avrà molte meno possibilità di uscire dai binari rispetto alla precedente release, che sono state riportate soprattutto su Bing Chat che aveva insultato gli utenti.

Nel post pubblicato sul blog ufficiale, la compagnia diretta da Sam Altman spiega che negli ultimi sei mesi gli sviluppatori hanno lavorato duramente per “rendere GPT-4 più sicuro ed allineato”, ed ora ha l’82% in meno di probabilità di rispondere in maniera non contestuale alle richieste degli utenti, ed il “40% in più di probabilità di generare risposte fattuali”.

Lo stesso Altman però ha ammesso che nonostante i miglioramenti, GPT-4 è ancora imperfetto e limitato, sebbene “sembri ancora più impressionante al primo utilizzo”.

Alcuni però hanno messo in dubbio le affermazioni di OpenAI. È il caso di Robert Vesoul, CEO di Illuin Technology (una società francese specializzata proprio nell’IA), secondo cui “nonostante l’aumento della potenza dell’algoritmo, non si tratta di una seconda rivoluzione”.

Ricordiamo che al momento GPT-4 è disponibile solo attraverso l’abbonamento ChatGPT Plus che ha un prezzo di 20 Dollari al mese.