Violato l'account Twitter del CEO Jack Dorsey: pubblicati messaggi antisemiti e razzisti

Violato l'account Twitter del CEO Jack Dorsey: pubblicati messaggi antisemiti e razzisti
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'account Twitter dell'amministratore delegato del social network, Jack Dorsey, è stato violato nella giornata di ieri da un gruppo che si autodefinisce Chuckle Squad. Gli hacker hanno sfruttato l'intromissione nel profilo per pubblicare insulti razziali, messaggi antisemiti ed un post negazionista dell'Olocausto.

Alcuni tweet offensivi sono rimasti attivi per circa dieci minuti, salvo poi essere rimossi dai gestori del sito.

Circa mezz'ora dopo, Twitter ha reso noto che "l'account è ora sicuro e non vi è alcuna indicazione che i sistemi di Twitter siano stati compromessi".

Successivamente, Twitter ha indicato che la colpa è da imputare al gestore di telefonia mobile di Dorsey, in quanto "il numero associato all'account è stato compromesso a causa del controllo di sicurezza da parte del provider di telefonia mobile", che apparentemente ha permesso agli hacker di inviare i tweet tramite messaggi di testo.

I messaggi sembrano essere stati pubblicati tramite Cloudhopper, il servizio di una società che Twitter aveva precedentemente acquisito per il suo servizio SMS. Se si scrive 404-04 dal numero di telefono collegato al profilo, il messaggio viene automaticamente pubblicato su Twitter. La fonte del tweet infatti era proprio "Cloudhopper".

Il modus operandi sembra essere lo stesso di quello utilizzato la scorsa settimana per prendere di mira celebrità come il vlogger James Charles, Shane Dawson ed il comico King Bach.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
3