Elezioni USA: una vittoria schiacciante per le minoranze sociali

Elezioni USA: una vittoria schiacciante per le minoranze sociali
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Non conosciamo ancora quale sarà l'esito delle elezioni presidenziali, ma la storia dei successi politici dei gruppi minoritari statunitensi comincia ad essere segnata dal raggiungimento di traguardi dalla fondamentale importanza.

Qualunque sia il partito, le minoranze sociali degli Stati Uniti stanno comunque alzando la propria voce e ottenendo posti fondamentali nei vari organi della nazione.

Per la prima volta, nella storia dello stato del New Mexico, solo donne di origini native e latine sono riuscite a conquistare i 5 seggi dei Grandi Elettori.

Nel terzo distretto, per esempio, la democratica Teresa Leger Fernandez è riuscita a sconfiggere la repubblicana nativa ed ingegnere Alexis Johnson, diventando la prima donna latina, dal 1983 (cioè dalla creazione del distretto), a diventare Grande Elettore. E' sorprendente anche il fatto che i democratici originari della comunità Navajo abbiano vinto in maniera schiacciante sui repubblicani in un rapporto di 2:1.

E' la comunità LGBTQ+, tuttavia, ad aver avuto i risultati più importanti in questa corsa elettorale.

Mentre in Europa abbiamo festeggiato ad Ottobre il giuramento della prima ministra transgender nella storia dell'europarlamento, in queste elezioni, a Delaware, è stata eletta, per la prima volta nella storia americana, l'attivista transgender Sarah McBride come senatrice.

Con una vittoria del 86%, quest'elezione rappresenta il raggiungimento più elevato nella comunità transgender statunitense. McBride era già nota nel panorama politico-sociale della nazione perché le venne accreditato il merito di aver favorito nel Delaware una legislazione che, ad oggi, punisce la discriminazione sulla base dell'identità di genere.

A New York, invece, il democratico Richie Torres è stato eletto come Grande Elettore, diventando il primo uomo nero apertamente omosessuale all'interno del Congresso elettorale della nazione.

Nel Kansas è stata eletta la democratica Stephanie Byers, donna transgender della Chickasaw Nation (una nazione nativa americana riconosciuta a livello federale), come prima legislatrice del suo stato appartenente sia ad una comunità nativa sia alla comunità LGBTQ+. Questa vittoria non rappresenta una rivoluzione solo per lo stato del Kansas, ma per tutto il Midwest statunitense.

Un altro grande traguardo è stato raggiunto nel Tennessee. Qui sono stati eletti due legislatori di due partiti opposti, ma entrambi accomunati dall'essere apertamente omosessuali e il voler rappresentare con politiche attive la loro comunità. Sto parlando del democratico Torrey Harris e del repubblicano Eddie Mannis.

Se siete interessati ad altre notizie riguardo queste tanto dibattute elezioni presidenziali, sembra che Twitter e Facebook abbiano oscurato un post di Donald Trump nella notte dell'Election Day. Inoltre, è stato compiuto anche un grande passo nella scienza made in USA con l'elezione dell'ex-astronauta Mark Kelly.

Quanto è interessante?
4