watchOS 7 e monitoraggio del sonno, Apple: "aiuterà a dormire meglio e senza distrazioni"

watchOS 7 e monitoraggio del sonno, Apple: 'aiuterà a dormire meglio e senza distrazioni'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il nuovo watchOS 7 include la tanto attesa e richiesta funzionalità di monitoraggio del sonno. Il VP of technologies di Apple, Kevin Lynch, in un'intervista concessa all'Independent ha spiegato il processo di sviluppo ed anche l'impatto che avrà questa novità sul sonno degli utenti.

Lynch ha esordito affermando che Apple ha "trascorso molto tempo a studiare la scienza del sonno" prima di procedere con lo sviluppo dell'applicazione per Apple Watch, che ha l'obiettivo di aiutare le persone ad addormentarsi bene e senza distrazioni.

"Dormire abbastanza è la cosa più importante, ma la difficoltà maggiore è andare a letto. Ci sono tante cose al mondo che ci distraggono ed attirano la nostra attenzione, ecco perchè supportare e facilitare questo processo è la vera magia di questa funzione" ha affermato, secondo cui uno dei fattori di differenziazione tra l'app di monitoraggio del sonno nativa di Apple Watch e le applicazioni di terze parti presenti su App Store è rappresentata dalla quantità di dati proposti agli utenti.

Coloro che hanno avuto modo di provare una delle tante app di terze parti si saranno imbattuti in dati come il sonno profondo e le fasi del sonno, ma Apple a quanto pare non ha intenzione di ricalcarle. Il motivo è presto che spiegato: "nei nostri test, ciò che abbiamo scoperto è che è molto difficile che un dispositivo al polso possa capire ciò che avviene nel cervello". In un'intervista a parte rilasciata per CNET, Lynch ha svelato che il colosso di Cupertino ha effettuato degli studi con una serie di persone che hanno indossato degli elettroencefalogrammi durante il sonno, il che ha permesso agli ingegneri di farsi un'idea dell'attività cerebrale durante il sonno. Attraverso questi test Apple è giunta alla conclusione che "la cosa più importante è la durata del sonno".

Tuttavia, con il monitoraggio integrato in watchOS Apple non vuole che gli utenti stiano in ansia perchè dormono poco: "molte persone sono già ben consapevoli del fatto che non dormono abbastanza, quindi non vogliamo gettare benzina sul fuoco. Invieremo delle notifiche solo quando le persone hanno raggiunto gli obiettivi del sonno".

Ovviamente, anche in questo caso la privacy sarà al centro: "aziende come Fitbit utilizzano da anni i dati anonimi degli utenti per studiare i modelli demografici del sonno per studiarlo meglio. Apple però non intende farlo. Abbiamo sviluppato degli algoritmi di deep learning dai dati ottenuti attraverso gli studi interni".

FONTE: 9to5mac
Quanto è interessante?
2