Whatsapp bloccato in Brasile per 72 ore

di
Un tribunale brasiliano ha intimato il blocco di Whatsapp in Brasile per tre giorni, nell'ambito dell'indagine ormai avanti da qualche settimana che già tempo fa aveva portato all'interruzione dei servizi e l'arresto di uno dei dirigenti.

Alla base di tutto ci sarebbe il continuo rifiuto, da parte del servizio di messaggistica istantanea di Facebook, di collaborare con le autorità locali su un'indagine di polizia avente ad oggetto delle presunte attività criminali on-line. A causa del sistema di crittografia end-to-end dell'applicazione, che è stato introdotto di recente, Whatsapp non è in grado di fornire agli inquirenti le trascrizioni delle conversazioni.
L'ordinanza del tribunale si rivolge ai cinque operatori wireless del Brasile, a cui è stata vietata la trasmissione dei dati di Whatsapp per tutta la durata del blackout. Eventuali violazioni porteranno ad una multa di 140.000 Dollari.
Un ordine simile era stato diffuso anche nel mese di Dicembre, e fu immediatamente definito “triste” dall'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg.
Servizi criptati come Whatsapp, però, stanno aumentando la loro quota di mercato in Brasile: Telegram, negli ultimi cinque mesi avrebbe guadagnato un milione di utenti nel paese.