Whatsapp, Iliad, le vendite di iPhone X ed Anonymous. Le news tech della settimana

di

Prima di avventarci nella nuova settimana tech, che ci sta già fornendo degli interessanti spunti di riflessione e discussione, facciamo il punto su quanto successo negli scorsi sette giorni, caratterizzati da rumor e da quanto ci ha lasciato il Mobile World Congress di Barcellona.

Il nuovo operatore italiano Iliad al debutto in estate

Partiamo questa carrellata di notizie con un'ufficialità. Benedetto Levi, l'amministratore delegato del nuovo operatore italiano, intervistato da Alessandro Longo di Repubblica ha confermato che Iliad debutterà in Italia in estate, ma non è tutto.
Il CEO, senza svelare molti dettagli sulle offerte che andrà a proporre la compagnia, ha anche precisato che Iliad non si configura come un operatore low cost ma anzi, ha l'obiettivo di rivolgersi a tutti quei consumatori italiani che sono delusi dal comportamento delle compagnie. Ecco perchè Iliad, secondo lo stesso, "sarà la risposta ai consumatori infelici", probabilmente riferendosi al sistema di fatturazione introdotto dalle varie telco e che ha fatto molto discutere.

Whatsapp: più tempo per eliminare i messaggi

Andiamo ora nel campo dei rumor. Il sito web WA Beta, da sempre estremamente informato su tutto quanto concerne il mondo Whatsapp, attraverso l'account ufficiale Twitter ha svelato un'interessante novità in arrivo sull'applicazione di messaggistica istantanea più popolare al mondo.
Secondo quanto riferito dagli stessi, il team di Mark Zuckerberg avrebbe intenzione di modificare la funzione che permette di eliminare i messaggi anche per i destinatari, in caso di invio errato.
Attualmente, il sistema permette di eliminarlo per un tempo massimo di sette minuti dopo l'invio, in caso di mancata lettura.
Le intenzioni sono di estendere tale tempo a 4.096 secondi, o 68 minuti e 16 secondi. A riguardo però ancora non è arrivata alcuna conferma ufficiale.

Uno studio rivela perchè le vendite di iPhone X sono a rilento

Gli analisti di Piper Jaffray hanno effettuato un'interessante studio di settore per capire i motivi per cui le vendite di iPhone X stiano procedendo a rilento, nonostante i risultati finanziari da record annunciati dalla compagnia di Cupertino.
La ricerca di mercato è stata effettuata su un campione di 1.500 possessori di iPhone che hanno scelto di non effettuare l'upgrade ad iPhone X: il 31 per cento di questi è stato frenato dal prezzo (che raggiunge i 1.049 Dollari per il modello da 256 gigabyte), l'8 per cento invece non l'hanno acquistato in quanto ritengono lo schermo troppo piccolo, il 44 per cento ha preferito mantenere l'attuale modello di iPhone in quanto funziona bene, ed il 17 per cento ha dichiarato di non aver avuto alcun motivo valido per cambiare il modello.
Sempre dal fronte Apple, è arrivato un interessante filmato che mostra l'impatto dei rallentamenti su un iPhone 6s prima e dopo la sostituzione della batteria. L'impatto è davvero sconvolgente.

Anonymous contro il sito del MIUR

La settimana si è chiusa con l'incredibile attacco hacker ai danni del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca da parte degli hacktivisti di Anonymous, i quali hanno preso di mira non solo il sito web, ma anche il ministro uscente Valeria Fedeli ed il decreto "La Buona Scuola" varato dal governo Renzi, esponendo migliaia di indirizzi email collegati anche a professori e personale che intrattiene rapporti con università molto prestigiose.
Il MIUR però ha precisato che i dati non sono riconducibili in alcun modo a componenti del ministero.

Quanto è interessante?
2