Whatsapp è stato bandito in Iran

di

Whatsapp, la più famosa app per la messaggistica istantanea acquistata di recente da Facebook, è stata bloccata dalle autorità iraniane. Le ragioni della scelta non sono state rese note in maniera dettagliata da parte dell'organo che si occupa dei crimini di internet e delle comunicazioni, ma a quanto pare dietro tutto si celerebbe Mark Zuckerberg, che è visto come un “sionista americano che deve essere fermato, soprattutto ora che possiede Whatsapp”, ha detto Abdolsamad Khorramabadi, il quale però non ha fornito molti dettagli . Interessante notare però che Facebook ed Instagram, altri due servizi posseduti da Zuckerberg, sono ancora pienamente accessibili, così come il social network di micro blogging Twitter, la piattaforma di condivisione video YouTube e Viber, un'altra valida alternativa a Whatsapp.

Quanto è interessante?
0