di

A quanto pare Microsoft ha intenzione di implementare il supporto nativo all’eye-tracking in Windows 10. La scelta non è per nulla casuale, dal momento che il nuovo supporto aprirebbe le porte di Ten a coloro che soffrono di malattie neuromuscolari come la SLA ed altre disabilità che impediscono agli utenti di interagire con il sistema operativo.

Soprannominata Eye Control, la nuova funzione richiederà accessori come l’Eye Tracker 4C targato Tobii, con cui Microsoft ha collaborato proprio per implementare questa funzione.

Dovrebbero essere supportati anche altri dispositivi Tobii, tra cui Dynavox PCEye Mini, PCEye Plus, EyeMobile Plus, mentre quelli della serie I dovrebbero aggiungersi presto alla lista.

L’Eye Control almeno al momento è in fase beta, e gli interessati necessitano di iscriversi al programma Windows Insider per ottenere l’accesso.

Sulla data di lancio, però, ancora non è disponibile alcuna indicazione, e nemmeno da Microsoft non sono arrivate informazioni a riguardo.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
8