Windows 10X permetterà di usare app Win32 in modalità sviluppatore, ma occhio ai rischi

Windows 10X permetterà di usare app Win32 in modalità sviluppatore, ma occhio ai rischi
di

L’attesa del lancio di Windows 10X, il sistema operativo modulare visto di recente in una demo ufficiale, sta lasciando spazio a tante domande su come funzionerà e quali programmi saranno compatibili Un quesito importante riguarda le app Win32 che, se di base non potranno essere installate, saranno utilizzabili in modalità sviluppatore.

A rivelarlo è stato il sito Windows Latest che, nelle ultime ore, avrebbe individuato nell’ultima build trapelata in rete un’impostazione dedicata alla possibilità di caricare “app non firmate” tra cui, appunto, prodotti desktop per Windows 10, ergo applicazioni Win32. Una piccola sorpresa dopo che molte fonti hanno confermato il loro mancato supporto e l’obbligo di utilizzo delle app UWP e PWA, ovvero tutte quelle scaricabili tramite Microsoft Store o utilizzabili in cloud.

Ma ci sono degli avvertimenti molto importanti: la modalità sviluppatore permetterà sì l’installazione e utilizzo delle applicazioni Win32, però “consentire l'esecuzione di tutte queste app sul dispositivo potrebbe essere dannoso per il dispositivo o per i dati”. Inoltre, l’attivazione dell’impostazione dedicata non significa che gli utenti saranno in grado di installare ed eseguire app desktop regolari (.exe) su Windows 10X; si tratta semplicemente di un piano per un futuro che, a oggi, risulta abbastanza lontano.

Le app UWP e PWA dovrebbero essere sufficienti per alcuni utenti, ma spesso a queste app mancano funzionalità importanti contenute nelle versioni Win32. Allo stesso modo, ci sono ancora una serie di applicazioni, come Blocco note e MS Paint, che non dispongono di versioni UWP o PWA.

Intanto di recente è apparsa una feature molto particolare definibile come “protezione antifurto” o “protezione dal ripristino”, la quale impedirà ai malintenzionati che entreranno in possesso del dispositivo di ripristinarlo e causare la perdita di tutti i dati contenuti.

Quanto è interessante?
3