Windows 11 22H2, Microsoft ferma il rollout per i PC con GPU NVIDIA: colpa di un grave bug

Windows 11 22H2, Microsoft ferma il rollout per i PC con GPU NVIDIA: colpa di un grave bug
di

Neanche il Patch Tuesday di Windows 11 di novembre sembra aver risolto i problemi di performance di cui il sistema operativo soffre dalla release dell'Update Windows 11 22H2. Per questo motivo, con una mossa del tutto inaspettata, Microsoft ha bloccato gli aggiornamenti a Windows 11 22H2 per diversi PC.

La mossa di Microsoft è nata in seguito al persistere dei problemi di compatibilità con le GPU NVIDIA dell'ultimo aggiornamento di Windows 11, rilasciato a fine settembre. Tra le lamentele degli utenti troviamo principalmente un sensibile calo delle prestazioni delle GPU NVIDIA dopo l'installazione dell'aggiornamento, che si tradurrebbe in un framerate più basso e instabile del normale e in un forte lag in alcuni giochi.

Già nelle scorse settimane Microsoft e NVIDIA si sono attivate per risolvere il problema, fortunatamente limitato alle sole configurazioni con una scheda grafica del Team Verde e solo alle performance in-game nei principali videogiochi e ad alcune app per creativi. Microsoft stessa ha spiegato che "alcuni giochi e applicazioni potrebbero risentire di performance sotto la media o di stuttering su Windows 11 versione 22H2".

A quanto pare, il problema sarebbe legato al software, che causerebbe l'avvio di una serie di processi di debug per gli sviluppatori ogni volta che un utente apre un programma che pesa particolarmente sulla GPU del PC: per questo, il grosso delle segnalazioni sono arrivate da videogiocatori e da lavoratori in ambito creativo.

Per evitare che il bug si espandesse ulteriormente, dunque, Microsoft ha fermato gli aggiornamenti automatici tramite Windows Update sulle configurazioni che potrebbero essere affette dai cali di prestazioni. In altre parole, se avete un PC con GPU NVIDIA non dovrete più preoccuparvi che un aggiornamento manuale installi Windows 11 22H2 senza il vostro premesso: l'update verrà invece scaricato e installato solo una volta che i problemi di performance saranno risolti.

Ovviamente, però, la mossa della casa di Redmond non risolve il bug, specie per chi ha già installato Windows 11 22H2: in questo caso, l'azienda ha semplicemente spiegato che "stiamo lavorando ad una soluzione e forniremo appena possibile delle novità su un futuro rilascio [del fix]".

Quanto è interessante?
4