Windows 11, conviene aggiornare sin da subito? L'analisi, anche sul gaming

Windows 11, conviene aggiornare sin da subito? L'analisi, anche sul gaming
di

Una delle domande che un buon numero di utenti si sta ponendo nella giornata del 5 ottobre 2021 è chiaramente relativa all'aggiornamento a Windows 11. Infatti, non sono in pochi coloro che non hanno le idee ben chiare in merito a cosa fare. D'altronde, le variabili in gioco sono molte: facciamo il punto della situazione.

La questione compatibilità

Ebbene, è assolutamente normale che gli utenti abbiano dubbi in merito all'update. Infatti, questo accade spesso quando ci sono degli aggiornamenti corposi legati a sistemi operativi popolari. Tuttavia, questa volta ad "alimentare" la questione ci hanno pensato i requisiti richiesti da Microsoft per Windows 11, che secondo alcuni utenti sarebbero un po' troppo "stringenti". TPM 2.0 e Secure Boot sono ormai sulla bocca di un po' tutti gli appassionati del mondo della tecnologia, ma in realtà i PC più recenti non hanno troppi problemi nel risultare compatibili con l'update. Se disponete, dunque, di un computer relativamente nuovo, non dovreste farvi troppi problemi dal punto di vista dei requisiti.

Nel caso, invece, il vostro computer non risulti idoneo all'aggiornamento (potete seguire la nostra guida su come verificare la compatibilità del PC con Windows 11 per comprenderlo), sconsigliamo caldamente di procedere. Infatti, Microsoft ha già annunciato che coloro che "forzeranno" l'update potrebbero riscontrare vari "grattacapi" in futuro. Per intenderci, persino l'arrivo degli aggiornamenti di sicurezza potrebbe essere limitato o "bloccato" del tutto. Questo senza contare le eventuali "restrizioni" imposte da programmi esterni. Insomma, se per qualche motivo il vostro PC non dispone del TPM 2.0, del Secure Boot o non rispetta un qualsivoglia requisito, probabilmente non vale la pena passare a Windows 11 (a meno che non vogliate semplicemente testare l'OS e usare il computer come "dispositivo di prova").

Il funzionamento dei "vecchi" programmi

Superata l'intricata questione compatibilità, passiamo al resto. Uno dei principali dubbi in merito all'aggiornamento è quello relativo al funzionamento dei programmi. Infatti, coloro che usano il proprio computer a livello lavorativo hanno chiaramente la necessità che tutti i software che sono soliti utilizzare funzionino correttamente. In questo caso, purtroppo, non c'è una risposta univoca, viste le miriadi di variabili in gioco.

Nonostante questo, un buon numero di persone che ha effettuato l'aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 ha trovato tutto funzionante nel modo corretto. Attenzione, però, ogni caso fa storia a sé: ad esempio, alcuni programmi particolarmente datati potrebbero dare "noie". In questo contesto, potrebbe risultare interessante nel tempo libero installare Windows 11 su un computer "secondario" (o eventualmente su macchina virtuale, ma attenzione: attualmente Windows 11 sembra avere problemi con VirtualBox), provando un po' tutto ciò di cui si ha bisogno e cercando di comprendere se il nuovo OS è in grado di soddisfare senza troppi problemi le proprie esigenze. Tenete bene a mente, però, che alcune impostazioni dell'OS potrebbero essere "reimpostate" (ad esempio, i programmi che compaiono nell'opzione "Apri con" selezionando un certo tipo di file).

Il gaming su Windows 11: sì o no?

Arriviamo ora all'analisi del gaming, ambito in cui non poche persone stanno riscontrando problemi. Ovviamente, le problematiche segnalate online sono diverse, ma in linea generale si fa riferimento a un calo degli FPS con alcune configurazioni Windows 11, nonché a un utilizzo più elevato del solito della GPU in determinati contesti. C'è da dire che la situazione non sembra essere "critica": in molti stanno riuscendo ad avviare e giocare ai propri titoli preferiti senza troppi "grattacapi".

Tuttavia, determinate configurazioni stanno effettivamente riscontrando problematiche. Qui la scelta spetta a voi: se non avete troppa fretta di passare a Windows 11, per il momento potreste voler mantenere le performance gaming "al sicuro" con Windows 10 e attendere ulteriori sviluppi. In alternativa, chiaramente potreste voler provare a effettuare un backup di Windows 10 e mettere alla prova Windows 11 sulla configurazione coinvolta, ovviamente a vostro rischio e pericolo.

Per il resto, se volete approfondire il nuovo OS, potete fare riferimento al nostro speciale dedicato all'uscita Windows 11.

Quanto è interessante?
4
Windows 11, conviene aggiornare sin da subito? L'analisi, anche sul gaming