Windows 11: le app precaricate rischiano il crash dal 1 novembre, ecco perché

Windows 11: le app precaricate rischiano il crash dal 1 novembre, ecco perché
di

Ieri vi abbiamo parlato degli ultimi bug di Windows 11, in particolare dei continui crash dello strumento di cattura degli screenshot, che sembra essere diventato completamente malfunzionante dopo l'ultimo aggiornamento. Oggi, Microsoft ha rivelato il motivo del bug, dicendo che potrebbe impattare anche diverse altre app.

Microsoft ha infatti rilasciato un documento di supporto per Windows 11, che trovate al link in calce alla notizia, nel quale spiega che il problema dipende da Microsoft Digital Certificate, e non dallo strumento di cattura degli screenshot in sé. In particolare, il Digital Certificate sarebbe scaduto il 31 ottobre 2021, dunque molte app dell'azienda di Redmond potrebbero avere dei malfunzionamenti a partire dall'1 novembre.

La spiegazione di Microsoft lascia intendere che il bug riguardi tutte le app precaricate in Windows 11, comprese le impostazioni di sistema: non a caso, nella giornata di ieri diversi utenti lamentavano problemi nell'accesso alla pagina delle impostazioni. Il comunicato diramato dall'azienda dice: "A partire dal 1 novembre 2021, alcuni utenti potrebbero essere impossibilitati ad aprire alcune app precaricate in Windows o delle parti di tali applicazioni. Ciò dipende da un problema di Microsoft Digital Certificate, che è scaduto il 31 ottobre 2021. Le seguenti applicazioni potrebbero essere affette dal problema: Strumento di cattura; Landing page e pagina account nell'app Impostazioni; Tastiera touch, dettatura e pannello delle emoji; IME UI (Editor dei metodi di input dell'interfaccia utente); Applicazioni "Per iniziare" e "Consigli".

Per mitigare il problema, gli utenti possono installare l'update KB5006746, rilasciato da Microsoft lo scorso 21 ottobre. l'azienda sta comunque lavorando ad una soluzione definitiva al problema. Intanto,

FONTE: Microsoft
Quanto è interessante?
4
Windows 11: le app precaricate rischiano il crash dal 1 novembre, ecco perché