di

Non è passata nemmeno una settimana dall'annuncio di Xiaomi 12 Pro, ma qualche fan del colosso di Pechino è riuscito a mettere le mani sullo smartphone, smontarlo e rimontarlo, documentando tutta la procedura in un interessante video che potete vedere in cima a questa pagina, anche se purtroppo l'unica lingua supportata è il cinese.

Il video è stato girato dal canale WekiHome sulla falsariga degli smontaggi e degli assemblaggi della controparte occidentale iFixIt. Il video è particolarmente interessante, nel caso di Xiaomi 12 Pro, perché mostra il montaggio e le componenti interne del device, che in larga parte del mondo non è ancora disponibile: lo smartphone dovrebbe avere una struttura definita da GSMArena come "glass sandwitch", con diversi livelli sovrapposti uno all'altro.

Aprendo il device dal retro, operazione che comporta la rimozione del sigillo adesivo di garanzia del telefono, è possibile vedere che esso comprende la scheda madre e l'hardware della fotocamera in cima, mentre al centro del device si trova la batteria e in fondo possiamo notare una scheda "figlia" che comprende l'ingresso dell'alimentatore, gli speaker e i motori aptici.

Prima di poter estrarre la scheda madre del device è comunque necessario rimuovere tutti i connettori presenti sotto la scocca, oltre ai moduli della fotocamera ed al collegamento con la scheda "figlia" del device, il che potrebbe rendere piuttosto complesse le riparazioni di Xiaomi 12 Pro. Rimossi tutti gli strati esterni, si può vedere la scheda madre, su cui troneggia lo Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm, che utilizza una dissipazione basata su strati protettivi in rame e silicio, insieme ad una thermal plate da 2900 mmq.

Lo smontaggio del device permette anche di toccare con mano gli obiettivi che compongono la fotocamera di Xiaomi 12 Pro, su cui Xiaomi non si era mai sbilanciata: in particolare, la lente principale è una Sony IMX 707 da 50 MP, uno dei sensori migliori esistenti per smartphone, mentre per quanto riguarda il teleobiettivo e il grandangolo il telefono utilizza due sensori Samsung JN1. Invece, la selfie-camera è un obiettivo da 32 MP, ma il video non dice quale sia il produttore della lente.

Inoltre, sia la RAM che lo storage sono di SK Hynix, un'azienda cinese specializzata in memorie, ed utilizzano rispettivamente gli standard LPDDR5 e UFS 3.1, come già ampiamente previsto dai rumor sul device. Al di sotto del display troviamo anche un sottile sensore per le impronte digitali e un motore per vibrazioni simile al Taptic Engine di iPhone, almeno stando a quanto riportato dal video.

Passando allo schermo di Xiaomi 12 Pro, WekiHome conferma che si tratta di un display LTPO AMOLED da 6,73". Infine, la batteria è da 4.600 mAh e supporta il fast charging a 120 W e la ricarica wireless a 50 W.

FONTE: GSMArena
Quanto è interessante?
1