Xiaomi 13: lancio posticipato all'ultimo per la morte dell'ex-presidente Jiang Zemin

Xiaomi 13: lancio posticipato all'ultimo per la morte dell'ex-presidente Jiang Zemin
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il lancio di Xiaomi 13 era fissato per domani, giovedì 1° dicembre, ma sembra essere stato rimandato all'ultimo. La decisione del produttore di Pechino non dipende da problemi tecnologici legati ai suoi nuovi smartphone top di gamma, ma alla morte dell'ex-Presidente cinese Jiang Zemin, avvenuta nella mattina di oggi, mercoledì 30 novembre.

L'annuncio è arrivato dalla stessa Xiaomi, che con un post su Weibo ha spiegato che il lancio di Xiaomi 13 è stato posticipato ad una data ancora da definire. Con ogni probabilità, comunque, Xiaomi 13, Xiaomi 13 Pro e Xiaomi 13 Ultra vedranno comunque la luce del mercato cinese entro la fine di dicembre o, al più, all'inizio del prossimo anno. Non è chiaro se il posticipo possa influenzare anche l'uscita occidentale dei tre smartphone.

Allo stesso tempo, anche iQOO ha posticipato il lancio di iQOO 11, la sua nuova serie di smartphone top di gamma, e di iQOO Neo 7 SE. In questo caso, però, la notizia colpisce decisamente meno i consumatori e gli appassionati europei, vista la scarsa notorietà del sub-brand di Vivo in occidente. Anche iQOO, comunque, non ha fornito una nuova data di lancio per il suo telefono top di gamma.

Jiang Zemin è stato Segretario Generale del Partito Comunista Cinese dal 1989 al 2002 e Presidente della Repubblica Popolare Cinese dal 1993 al 2003. Zemin è morto di leucemia a Shanghai, all'età di 96 anni. Viene considerato uno dei leader più importanti della Cina contemporanea: continuatore delle riforme di Deng Xiaoping, che hanno portato il Paese verso un'economia di mercato prossima al capitalismo, è stato uno dei realizzatori del socialismo con caratteristiche cinesi che ancora oggi contraddistingue il Paese asiatico.

Sempre sotto la leadership di Zemin si sono verificati diversi eventi di spessore per la politica cinese, come la restituzione di Hong Kong alla Cina da parte del Regno Unito, nel 1997, e quella di Macao da parte del Portogallo, nel 1999. Nel luglio del 2011, si era diffusa sui media di Hong Kong la notizia della presunta morte di Zemin: solo tre mesi dopo, nell'ottobre dello stesso anno, la notizia si era rivelata falsa, con la partecipazione di Zemin ad un evento pubblico organizzato dal PCC.

FONTE: GizmoChina
Quanto è interessante?
1