Xiaomi costretta a chiudere tutti i negozi in Cina per via del Coronavirus

Xiaomi costretta a chiudere tutti i negozi in Cina per via del Coronavirus
di

Il Coronavirus è un problema non di poco conto per la Cina (e non solo) e ormai se ne sta discutendo un po' ovunque. D'altronde, stiamo parlando di argomenti molto seri ed è sempre bene prendere le giuste precauzioni, proprio come sta facendo Xiaomi.

Infatti, stando anche a quanto riportato da Gizchina, l'azienda ha deciso di chiudere temporaneamente tutti i suoi negozi fisici in Cina per evitare la possibile diffusione del Coronavirus. Gli store verranno "sigillati" a partire da domani 28 gennaio 2020 e dovrebbero rimanere chiusi fino al prossimo 2 febbraio compreso, chiaramente salvo proroghe. È molto probabile che anche molte altre aziende siano intenzionate a mettere in atto azioni del genere.

L'annuncio è arrivato tramite un comunicato stampa ufficiale in cinese, ovvero quello che potete vedere in calce alla notizia. Essenzialmente, Xiaomi afferma di voler collaborare con il Governo per prevenire il più possibile il diffondersi del Coronavirus e per questo motivo preferisce chiudere i negozi fisici e invitare la clientela ad acquistare solamente tramite sito o applicazione ufficiale nel periodo coinvolto. L'azienda ha inoltre messo a disposizione della clientela un numero per l'assistenza, visto che potrebbero chiaramente esserci dei disguidi.

Per maggiori dettagli sul Coronavirus, vi consigliamo di consultare la notizia relativa all'allarme lanciato dalla Hong Kong University.

FONTE: Gizchina
Quanto è interessante?
4
Xiaomi costretta a chiudere tutti i negozi in Cina per via del Coronavirus