YouTube Shorts: raggiunti cinque trilioni di views in meno di un anno e mezzo

YouTube Shorts: raggiunti cinque trilioni di views in meno di un anno e mezzo
di

Dopo il record di Baby Shark su YouTube, che ha sfondato la barriera dei dieci miliardi di visualizzazioni, pare che la piattaforma di streaming video di Google stia vivendo un periodo particolarmente felice anche per quanto riguarda gli YouTube Shorts. Questi ultimi, infatti, hanno raggiunto nel 2021 i cinque trilioni di views totali dal lancio.

YouTube Shorts è la risposta di YouTube all'enorme popolarità di TikTok, e in misura minore dei Reel di Instagram: a quanto pare, il servizio, che permette di visualizzare brevi video a scorrimento automatico dalla durata inferiore al minuto, sembra essere un successo, poiché, nonostante sia stato lanciato solo a metà 2020, YouTube Shorts ha raggiunto cinque trilioni di visualizzazioni totali.

A comunicare il dato è stata la CEO di YouTube Susan Wojcicki, che l'ha riportato in un post sul Blog della compagnia, nel quale ha anche ringraziato tutti i creatori di Shorts per la piattaforma. Inoltre, Wojcicki ha spiegato che i risultati sono stati ottenuti sommando le visualizzazioni dei video sia su PC e laptop che su smartphone e tablet, benché il loro particolare formato verticale renda gli Shorts molto più popolari da mobile che da PC.

A quanto pare, comunque, i video brevi stanno divenendo sempre più famosi tra il pubblico, in particolare tra quello più giovane. la CEO di YouTube ha anche annunciato che la piattaforma, dopo aver creato un fondo per i creator da 100 milioni di Dollari lo scorso anno, ha intenzione di introdurre nuove forme di guadagno per chi pubblica Shorts sulla piattaforma di proprietà di Google, presumibilmente per convincere creator e influencer a spostarsi da TikTok e Instagram verso YouTube.

Inoltre, il già citato fondo di YouTube per i creator è ora disponibile in più di 100 Paesi del mondo: grazie a quest'ultimo, YouTube pagherà i creatori di contenuti emergenti da 100 a 10.000 Dollari al mese a seconda del numero di views e dall'engagement complessivo fatto registrare dai loro canali.

A quanto pare, a beneficiare del fondo sono soprattutto i creatori più piccoli, dal momento che Wojcicki ha spiegato che quasi metà dei beneficiari degli "aiuti" di YouTube sono canali che al momento non possono entrare nel programma Partner della piattaforma.

Inoltre, YouTube ha annunciato il progetto BrandConnect per le sponsorizzazioni, che metterà facilmente a contatto i creatori con gli eventuali sponsor dei loro video, garantendo a chi crea video per professione un'ulteriore fonte di introiti. Intanto, pare anche che YouTube stia per entrare nel mondo degli NFT, permettendo ai creator di vendere i token direttamente nei propri video.

FONTE: PhoneArena
Quanto è interessante?
2